Discussione:
Universo, Luce, Energia e Materia...
(troppo vecchio per rispondere)
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 15:57:31 UTC
Permalink
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang",
che "spiega" l'evento (effetto) ma che rimane TOTALMENTE ignota la
causa, l'origine stesso del fenomeno che è alla base del Principio per
cui è avvenuta questa esplosione.

Perchè, la luce, come dice la scienza, viaggia proprio a 299.792,458
Km/s e non, ad esempio, a 289.792.458 Km/s oppure a 309.792.458 Km/s ?

Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita nell'universo ?


Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.

Alcuni dicono che non esisteva niente, il nulla assoluto, ma se così
fosse com'è possibile che dal nulla assoluto sia apparso tutto quello
che poi avvenne fino ad oggi ?

Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.

Esperimenti o no, la luce è e rimane un mistero... è del tutto inutile
Leonardo, fai tanto il saputello ma ti basi solo su dei parametri
scientifici del tutto superficiali quando basti pensare che fino a poco
più di un secolo fa non c'era manco la corrente elettrica nelle case..
ti sembra che la nostra sia una civiltà in grado di capire cosa sia la
luce e quali sono i suoi limiti? Poi vabè, se ti fa piacere
autoconvincerti che E' COSI PERCHE' LO DICONO I FISICI buon per te, ma
non fare di quei testi una sorta di BIBBIA DELLO SCIBILE UNIVERSALE,
perchè non è così e se sei intelligente come so che lo sei, non puoi
neppure pensarlo.


Potreste obbiettare dicendo che "parla uno che non ha manco una laurea",
è vero, ma diciamo che mi baso sull'istinto e la logica, e sia uno che
l'altro mi dicono CHE TUTTO QUELLO CHE C'E' NEL MICRO E NEL MACRO E'
TALMENTE IGNOTO CHE NESSUNA CIVILTA' EXTRATERRESTRE, ANCHE ESTREMAMENTE
AVANZATA, POTRA' MAI CONOSCERE AL 100% CHE COSA E' QUESTA MERAVIGLIA CHE
CHIAMIAMO/DEFINIAMO VITA....

Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta appena
affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle Universali?


Pensateci.



Marco
---
"Perché mio alleato è la Forza.
E un potente alleato essa è.
La vita essa crea, e accresce.
La sua energia ci circonda e ci lega.
Esseri luminosi noi siamo&"
- Maestro Jedi Yoda
feynman
2009-02-27 16:46:35 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta
appena affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle
Universali?
pochissimo ovviamente.
Ma quel pochissimo è una cosa enorme rispetto all'infinita ignoranza
esibita dalla coppia alieno scemo arbel - servo sciocco STN.

ciao
feynman
Gatsu
2009-02-27 16:48:48 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
CUT
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta appena
affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle Universali?
Pensateci.
Marco
---
"Perché mio alleato è la Forza.
E un potente alleato essa è.
La vita essa crea, e accresce.
La sua energia ci circonda e ci lega.
Esseri luminosi noi siamo&"
- Maestro Jedi Yoda
I misteri sono molti ... Le cose che la scienza non spiega ancor di piu'.
Credo che pero' sfugga un concetto su cui si basa il pensiero scientifico
o almeno come lo interpreto io. Io secondo i canoni di molti sono uno
sciettico, pero' do' il beneficio del dubbio a moltissime cose e so anche
che moltissime spiegazioni vanno bene fino a che non vengono messe in
discussione da scoperte o evidenze di altro tipo. Veniamo alla luce. Io
NON sono certo che il limite di velocità misurato sia invalicabile, ma
vista la bontà della teorie che usano C come costante credo che
questo "dogma" debba essere messo in discussione da qualcosa che vada al
di la' della mera "ispirazione" o meglio puoi avere l'ispirazione ma poi
la devi concretizzare. La teoria della relatività ci ha regalato molti
progressi tangibili nella vita di tutti i giorni e si basa su C costante.
Prova a pensare se si fosse detto no be' dai cosa ne so io se C e'
costante non voglio essere presuntuoso non lo dico a nessuno.... Ora non
avremmo tutta una serie di strumenti matematici che hanno aperto il campo
ad applicazioni utilissime per la ns. vita e il progresso. C costante
funziona nella ns. realtà e per metterla in discussione bisogna trovare
situazioni o effettuare misure in cui questo non funziona e forse allora
apriremo nuovi orizzonti. Dire solo "C" non e' costante gne gne che ne
sai, dove ci porta ? Diciamo per ora sappiamo che "C" e' costante (nel
vuoto assoluto) ma aspettiamo prove, dati, esperimenti che mettano
eventualmente in discussione questo "dogma". Non e' altro che il percorso
che la scienza ha sempre seguito, a volte boicottato, a volte ostacolato,
ma alla fine le buone teorie si fanno sempre strada fino a che non sono
sterminate da altre piu' valide e che spiegano una gamma piu' ampia di
fenomeni. Come dici tu perche' deve avere quel limite ? E perche' non
potrebbe averlo ?
--
Federico
Leonardo Serni
2009-02-27 16:55:39 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2009 16:57:31 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
Cioe': se "nessuno sa spiegare" perche' una cosa e' in un certo modo,
allora potrebbe essere anche in tutt'altro modo?

E' un punto di vista un po' *parecchio* egocentrico.

Comunque, per amor di discussione, saresti disposto ad ammettere che,
se la luce va ad un miliardo di chilometri al secondo, per percorrere
un miliardo di chilometri ci impiega un secondo? Oppure, e' un limite
arbitrario anche questo?

Se ti va bene provo a complicare le cose: supponiamo che la luce vada
ad un miliardo di chilometri al secondo. Ti torna che, per percorrere
dieci miliardi di chilometri, ci impieghi dieci secondi?

E ora una cosa ancora piu' arzigogolata: se la luce va ad un miliardo
di chilometri al secondo e per percorrere una certa distanza ci mette
dieci secondi: secondo te: e' possibile, stimare questa distanza?

Mi fermo qui, che' non vorrei sovraccaricare il discorso.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Esperimenti o no, la luce è e rimane un mistero... è del tutto inutile
Leonardo, fai tanto il saputello ma ti basi solo su dei parametri
scientifici del tutto superficiali
Davvero - tipo che se vai dritto non curvi, e cosi' via (e perfino il
viceversa: se curvi non vai dritto). E' roba superficiale.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
luce e quali sono i suoi limiti? Poi vabè, se ti fa piacere
autoconvincerti che E' COSI PERCHE' LO DICONO I FISICI
No, no, guarda: diciamo che, altrove, i raggi laser vanno curvi visto
che ce lo dice A.RB.EL.

Cosi' va meglio? Ti suona piu' serio? (E' una questione di gusti... a
me non suona granche' serio, pero' e' solo la mia opinione)

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 17:20:20 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Fri, 27 Feb 2009 16:57:31 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
Cioe': se "nessuno sa spiegare" perche' una cosa e' in un certo modo,
allora potrebbe essere anche in tutt'altro modo?
Alla fine dei conti è così. Voglio dire, in un pianetino a 12 milioni di
anni luce da qua possono aver creato in laboratorio un fascio di luce
che può propagarsi a 1.464.567.367.246 al secondo, tu lo escludi
scientificamente (in tutti i sensi) o lo escludi *SOLO* perchè
scientificamente non è dimostrabile quindi lasci il beneficio del
dubbio, di tuo?
Post by Leonardo Serni
E' un punto di vista un po' *parecchio* egocentrico.
Comunque, per amor di discussione, saresti disposto ad ammettere che,
se la luce va ad un miliardo di chilometri al secondo, per percorrere
un miliardo di chilometri ci impiega un secondo? Oppure, e' un limite
arbitrario anche questo?
Se ti va bene provo a complicare le cose: supponiamo che la luce vada
ad un miliardo di chilometri al secondo. Ti torna che, per percorrere
dieci miliardi di chilometri, ci impieghi dieci secondi?
E ora una cosa ancora piu' arzigogolata: se la luce va ad un miliardo
di chilometri al secondo e per percorrere una certa distanza ci mette
dieci secondi: secondo te: e' possibile, stimare questa distanza?
Mi fermo qui, che' non vorrei sovraccaricare il discorso.
Lo vedi che peschi sempre lo stesso pesce? Dimmelo tu PERCHE' la luce
non potrebbe mai viaggiare a 1 miliardo di km/s, sei TU che devi dirmelo
non io, per me può andare anche ben oltre, sia in modo naturale che
artificiale.
Post by Leonardo Serni
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Esperimenti o no, la luce è e rimane un mistero... è del tutto inutile
Leonardo, fai tanto il saputello ma ti basi solo su dei parametri
scientifici del tutto superficiali
Davvero - tipo che se vai dritto non curvi, e cosi' via (e perfino il
viceversa: se curvi non vai dritto). E' roba superficiale.
Scommetti che se prendi lo slancio (una corsa sempre diritta) e ti
lascio un sasso alla base dell'encefalo le curve le fai eccome ? ^___^

Su Leonardo, non mi fare stupidi giochini di parole per cercare di
metterti in disagio, non avrò nessuna laura ma qualcosa la capisco
anch'io sai? :)

La luce è e rimane un mistero, punto. Vuoi/puoi negarlo?
Post by Leonardo Serni
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
luce e quali sono i suoi limiti? Poi vabè, se ti fa piacere
autoconvincerti che E' COSI PERCHE' LO DICONO I FISICI
No, no, guarda: diciamo che, altrove, i raggi laser vanno curvi visto
che ce lo dice A.RB.EL.
Cosi' va meglio? Ti suona piu' serio? (E' una questione di gusti... a
me non suona granche' serio, pero' e' solo la mia opinione)
Leonardo
Hai riscontri sul fatto che il laser non può andare curvo? Per carità,
la domanda può essere invertita, il punto se hai riscontri (scientifici)
che può andare solo dritta, come puoi averne il contrario se non puoi
dimostrarlo?



Marco
Leonardo Serni
2009-02-27 17:42:47 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2009 18:20:20 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
Cioe': se "nessuno sa spiegare" perche' una cosa e' in un certo modo,
allora potrebbe essere anche in tutt'altro modo?
Alla fine dei conti è così. Voglio dire, in un pianetino a 12 milioni di
anni luce da qua possono aver creato in laboratorio un fascio di luce
che può propagarsi a 1.464.567.367.246 al secondo, tu lo escludi
scientificamente (in tutti i sensi) o lo escludi *SOLO* perchè
scientificamente non è dimostrabile quindi lasci il beneficio del
dubbio, di tuo?
Secondo me, e' altrettanto probabile che, poniamo, un velociraptor li' in
camera tua, anzi, non in camera tua: li' fuori e sta per entrare.

Le leggi della fisica non lo escludono, magari un uovo di velociraptor e'
rimasto intatto per tutti questi anni e si e' schiuso poco fa... eccetera
eccetera. Se non un velociraptor, allora una bestiaccia aliena qualsiasi,
purche' rapida, letale e incazzata (ce ne saranno, no?).

Bene: se fossi in te, io non escluderei la presenza del velociraptor: ma,
prima di balzare dalla sedia e buttarmi giu' dalla finestra per salvarmi,
vorrei vederlo, vederne il muso, al limite anche solo sentirlo muoversi.

E finche' non lo vedessi, direi la verita'... che non vedo motivi perche'
ci sia un velociraptor, che se ci fosse dovrei sentirne il rumore, che un
velociraptor non sarebbe passato dalla scala a chiocciola, eccetera.

Mi sembra che si confonda per "pregiudiziale scetticismo", il mio rifiuto
di gettarmi fuor di finestra prima di averne un buon motivo.

Ripeto ancora una volta, secondo me, li' fuori POTREBBE BENISSIMO esserci
un velociraptor. Ma, finche' non avro' prove, non solo non mi butto dalla
finestra - ma non getto neanche fuori dalla porta una granata a gas prima
di uscire.

Dal mio punto di vista mi sembra di essere semplicemente razionale.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Comunque, per amor di discussione, saresti disposto ad ammettere che,
se la luce va ad un miliardo di chilometri al secondo, per percorrere
un miliardo di chilometri ci impiega un secondo? Oppure, e' un limite
arbitrario anche questo?
Lo vedi che peschi sempre lo stesso pesce? Dimmelo tu PERCHE' la luce
non potrebbe mai viaggiare a 1 miliardo di km/s
No, no. La luce VIAGGIA a un miliardo di km/s. Ma, stabilito questo, dato
per SICURO che la luce viaggi ad un miliardo di km/s; saresti disposto ad
ammettere che la luce viaggi ad un miliardo di km/s?

Si' o no?

E se si', saresti disposto ad ammettere che percorra un miliardo di km in
un secondo?

(Voglio vedere fin dove siamo d'accordo, quindi vado per gradi).

E se si', che, in un secondo, la luce viaggi per un miliardo di km?

E se si', che per coprire 10 miliardi di chilometri impiega 10 secondi?

E se si', che se viaggia per 10 secondi copre 10 miliardi di km?

(Se arrivi fin qui proseguo nel prossimo messaggio. Se no fermami e prova
a spiegarmi perche' non sei d'accordo).

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 19:27:33 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Fri, 27 Feb 2009 18:20:20 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
Cioe': se "nessuno sa spiegare" perche' una cosa e' in un certo modo,
allora potrebbe essere anche in tutt'altro modo?
Alla fine dei conti è così. Voglio dire, in un pianetino a 12 milioni di
anni luce da qua possono aver creato in laboratorio un fascio di luce
che può propagarsi a 1.464.567.367.246 al secondo, tu lo escludi
scientificamente (in tutti i sensi) o lo escludi *SOLO* perchè
scientificamente non è dimostrabile quindi lasci il beneficio del
dubbio, di tuo?
Secondo me, e' altrettanto probabile che, poniamo, un velociraptor li' in
camera tua, anzi, non in camera tua: li' fuori e sta per entrare.
Le leggi della fisica non lo escludono, magari un uovo di velociraptor e'
rimasto intatto per tutti questi anni e si e' schiuso poco fa... eccetera
eccetera. Se non un velociraptor, allora una bestiaccia aliena qualsiasi,
purche' rapida, letale e incazzata (ce ne saranno, no?).
Bene: se fossi in te, io non escluderei la presenza del velociraptor: ma,
prima di balzare dalla sedia e buttarmi giu' dalla finestra per salvarmi,
vorrei vederlo, vederne il muso, al limite anche solo sentirlo muoversi.
E finche' non lo vedessi, direi la verita'... che non vedo motivi perche'
ci sia un velociraptor, che se ci fosse dovrei sentirne il rumore, che un
velociraptor non sarebbe passato dalla scala a chiocciola, eccetera.
Mi sembra che si confonda per "pregiudiziale scetticismo", il mio rifiuto
di gettarmi fuor di finestra prima di averne un buon motivo.
Ripeto ancora una volta, secondo me, li' fuori POTREBBE BENISSIMO esserci
un velociraptor. Ma, finche' non avro' prove, non solo non mi butto dalla
finestra - ma non getto neanche fuori dalla porta una granata a gas prima
di uscire.
Dal mio punto di vista mi sembra di essere semplicemente razionale.
Ok, e fin qui dimostri di non escludere comunque che il velociraptor
possa avere delle mire su di te per farsi un buon pasto! ^___^

Però potresti sempre chiamare il vicino di casa e chiederli se ne ha
visto uno in zona... non ti pare? Nel contesto della luce, la TUA parte
irrazionale cosa dice?
Post by Leonardo Serni
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Comunque, per amor di discussione, saresti disposto ad ammettere che,
se la luce va ad un miliardo di chilometri al secondo, per percorrere
un miliardo di chilometri ci impiega un secondo? Oppure, e' un limite
arbitrario anche questo?
Lo vedi che peschi sempre lo stesso pesce? Dimmelo tu PERCHE' la luce
non potrebbe mai viaggiare a 1 miliardo di km/s
No, no. La luce VIAGGIA a un miliardo di km/s. Ma, stabilito questo, dato
per SICURO che la luce viaggi ad un miliardo di km/s; saresti disposto ad
ammettere che la luce viaggi ad un miliardo di km/s?
Si' o no?
E se si', saresti disposto ad ammettere che percorra un miliardo di km in
un secondo?
(Voglio vedere fin dove siamo d'accordo, quindi vado per gradi).
E se si', che, in un secondo, la luce viaggi per un miliardo di km?
E se si', che per coprire 10 miliardi di chilometri impiega 10 secondi?
E se si', che se viaggia per 10 secondi copre 10 miliardi di km?
(Se arrivi fin qui proseguo nel prossimo messaggio. Se no fermami e prova
a spiegarmi perche' non sei d'accordo).
Leonardo
Visto che le domande che poni si equivalgono tutte, ti rispondo che

1) Si, in un secondo percorre per 1 miliardo di Km;
2) Si, che in 10 secondi percorre 10 miliardi di anni luce;
3) Si ma... che viaggiando a 1 miliardo di km/s non è detto che percorra
SEMPRE 10 miliardi di km se nel proprio tragitto incappa in una qualche
anomalia spaziale/temporale e/o distorsiva o di particolari
"alterazioni" dei fotoni stessi.


Continua pure ma sappi che comunque la discussione non ha nè capo nè
coda. :)



Marco
Sokar
2009-02-27 19:31:40 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Dal mio punto di vista mi sembra di essere semplicemente
razionale.
Ok, e fin qui dimostri di non escludere comunque che il
velociraptor possa avere delle mire su di te per farsi un buon
pasto! ^___^
Però potresti sempre chiamare il vicino di casa e chiederli se ne
ha visto uno in zona... non ti pare? Nel contesto della luce, la
TUA parte irrazionale cosa dice?
per ora io conosco vicini di casa terrestri, che non penso abbiamo
visto velociraptor, tu ne conosci altri?

S.
Leonardo Serni
2009-02-27 23:23:55 UTC
Permalink
Post by Sokar
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Dal mio punto di vista mi sembra di essere semplicemente
razionale.
Ok, e fin qui dimostri di non escludere comunque che il
velociraptor possa avere delle mire su di te per farsi un buon
pasto! ^___^
Però potresti sempre chiamare il vicino di casa e chiederli se ne
ha visto uno in zona... non ti pare? Nel contesto della luce, la
TUA parte irrazionale cosa dice?
per ora io conosco vicini di casa terrestri, che non penso abbiamo
visto velociraptor, tu ne conosci altri?
http://xkcd.com/155/

Vedi l'ultima voce.

Leonardo "be afraid"
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Leonardo Serni
2009-02-27 23:22:11 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2009 20:27:33 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Visto che le domande che poni si equivalgono tutte, ti rispondo che
1) Si, in un secondo percorre per 1 miliardo di Km;
2) Si, che in 10 secondi percorre 10 miliardi di anni luce;
3) Si ma... che viaggiando a 1 miliardo di km/s non è detto che percorra
SEMPRE 10 miliardi di km se nel proprio tragitto incappa in una qualche
anomalia spaziale/temporale e/o distorsiva o di particolari
"alterazioni" dei fotoni stessi.
Continua pure ma sappi che comunque la discussione non ha nè capo nè
coda. :)
Oh, stiamo solo sistemando dei mattoncini. Vediamo se costruiamo qualcosa.

Per esempio, io sono a una grande distanza da una fonte luminosa (inoltre,
non so a che velocita' si propaga la luce fra la fonte e me).

Pero' so che la fonte luminosa va avanti e indietro, oscillando, lungo una
traiettoria di cento miliardi di chilometri: e cioe', a un certo punto, la
fonte e' a distanza X da me; in un altro momento, e' a distanza X piu' 100
miliardi di chilometri.

Se nella zona in cui si trova la fonte - che non e' quella in cui mi trovo
io - la velocita' della luce e' un miliardo di km/s, quando la fonte sta a
distanza minima da me, la luce ci impiega un certo tempo ad arrivarmi (non
so quanto perche' non so la velocita' della luce fra la fonte e me).

Quando e' a distanza massima, cioe' la distanza di prima piu' 100 miliardi
di chilometri, la luce ci impiega lo stesso tempo sconosciuto di prima per
arrivarmi - piu' cento secondi.

Siamo ancora d'accordo?

Leonardo maièutico
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
kennyt
2009-02-28 09:09:58 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
Oh, stiamo solo sistemando dei mattoncini. Vediamo se costruiamo qualcosa.
Ecco,
secondo me questo e' un argomento su cui potresti trovare anche
soddisfazioni,
inizierei dallo spiegargli la preparazione del cemento pero'...
ciao
Ken che rema contro
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-28 11:35:12 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Fri, 27 Feb 2009 20:27:33 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Visto che le domande che poni si equivalgono tutte, ti rispondo che
1) Si, in un secondo percorre per 1 miliardo di Km;
2) Si, che in 10 secondi percorre 10 miliardi di anni luce;
3) Si ma... che viaggiando a 1 miliardo di km/s non è detto che percorra
SEMPRE 10 miliardi di km se nel proprio tragitto incappa in una qualche
anomalia spaziale/temporale e/o distorsiva o di particolari
"alterazioni" dei fotoni stessi.
Continua pure ma sappi che comunque la discussione non ha nè capo nè
coda. :)
Oh, stiamo solo sistemando dei mattoncini. Vediamo se costruiamo qualcosa.
Per esempio, io sono a una grande distanza da una fonte luminosa (inoltre,
non so a che velocita' si propaga la luce fra la fonte e me).
Pero' so che la fonte luminosa va avanti e indietro, oscillando, lungo una
traiettoria di cento miliardi di chilometri: e cioe', a un certo punto, la
fonte e' a distanza X da me; in un altro momento, e' a distanza X piu' 100
miliardi di chilometri.
Se nella zona in cui si trova la fonte - che non e' quella in cui mi trovo
io - la velocita' della luce e' un miliardo di km/s, quando la fonte sta a
distanza minima da me, la luce ci impiega un certo tempo ad arrivarmi (non
so quanto perche' non so la velocita' della luce fra la fonte e me).
Quando e' a distanza massima, cioe' la distanza di prima piu' 100 miliardi
di chilometri, la luce ci impiega lo stesso tempo sconosciuto di prima per
arrivarmi - piu' cento secondi.
Siamo ancora d'accordo?
Leonardo maièutico
Ascolta facciamo così, ora ti propongo due schemi, e senza preamboli o
giri di paroloni tecnici, ok?

Però scusami se non posso essere tecnico come te, ARBEL o altri... :)

Abbiamo due sorgenti di luce, la prima il nostro Sole(A), l'altro(B)
posizionato traversalmente al nostro ad una distanza di 1000 anni luce.

La luce di A arriva a destinazione (B) viaggiando a 299.792,458 Km/s

La luce di B arriva a destinazione (C) ma nel percorso viene ostacolata
da (un campo di antiprotoni? una distorsione nel tessuto spazio-tempo?
ecc.), rallentata per poi accelerata.

Ora la domanda è: secondo te l'ipotesi B-->C è plausibile o lo escludi a
priori, a prescindere dalle attuali conoscenze scientifiche?


Si o no ?


Oh, so che ora mi risponderai con una cosa simile: "quello che penso io
è irrilevante, posso anche accettarlo ma senza un riscontro non posso
ne approvarlo ne escluderlo", giusto?


Ma infatti nessuno (io) non te lo chiedo, vorrei solo capire se sei
cieco e totalmente robotizzato come un certo Albricci o se hai capacità
di più ampie vedute, tutto qui.


Ciao a dopo

Marco
Leonardo Serni
2009-02-28 12:47:53 UTC
Permalink
On Sat, 28 Feb 2009 12:35:12 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Oh, stiamo solo sistemando dei mattoncini. Vediamo se costruiamo qualcosa.
Per esempio, io sono a una grande distanza da una fonte luminosa (inoltre,
non so a che velocita' si propaga la luce fra la fonte e me).
Pero' so che la fonte luminosa va avanti e indietro, oscillando, lungo una
traiettoria di cento miliardi di chilometri: e cioe', a un certo punto, la
fonte e' a distanza X da me; in un altro momento, e' a distanza X piu' 100
miliardi di chilometri.
Se nella zona in cui si trova la fonte - che non e' quella in cui mi trovo
io - la velocita' della luce e' un miliardo di km/s, quando la fonte sta a
distanza minima da me, la luce ci impiega un certo tempo ad arrivarmi (non
so quanto perche' non so la velocita' della luce fra la fonte e me).
Quando e' a distanza massima, cioe' la distanza di prima piu' 100 miliardi
di chilometri, la luce ci impiega lo stesso tempo sconosciuto di prima per
arrivarmi - piu' cento secondi.
Siamo ancora d'accordo?
Ascolta facciamo così, ora ti propongo due schemi, e senza preamboli o
giri di paroloni tecnici, ok?
La' sopra mica ce ne ho messi di paroloni tecnici. Suvvia, siamo in un
gruppo di discussione, si cerca un dialogo; se io parlo e tu parli per
conto tuo, non e' un dialogo, sono due monologhi.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Abbiamo due sorgenti di luce, la prima il nostro Sole(A), l'altro(B)
posizionato traversalmente al nostro ad una distanza di 1000 anni luce.
La luce di A arriva a destinazione (B) viaggiando a 299.792,458 Km/s
La luce di B arriva a destinazione (C)
Scusa, ma (C) dov'e'? Li' sopra non lo spieghi.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
ma nel percorso viene ostacolata
da (un campo di antiprotoni? una distorsione nel tessuto spazio-tempo?
ecc.), rallentata per poi accelerata.
Ora la domanda è: secondo te l'ipotesi B-->C è plausibile o lo escludi a
priori, a prescindere dalle attuali conoscenze scientifiche?
Senza sapere cosa sia, o dove sia (C), non e' per cattiveria, ma penso
tu capisca che non posso rispondere.

Che, in genere, la velocita' della luce possa variare non mi sembra un
fenomeno particolarmente strano: 299.792 e' la velocita' in un mezzo a
densita' zero, e' possibile aumentarla in un mezzo a densita' minore -
non che sia facile ottenerlo.

Pero', *tutto* quello che si fa ha delle conseguenze: se mangi come un
lotro, metti su un quintale, se ti dai una martellata ti fai male ecc.
ecc.; se la luce nel cosmo andasse (in certe zone) piu' velocemente si
dovrebbero osservare determinati effetti.

Giusto per dirne uno... esplode una nova vicino ad una nebulosa. Se la
luce viaggiasse istantaneamente la luce della nova dovrebbe illuminare
TUTTA la nebulosa simultaneamente. Non prima il lato piu' vicino e poi
quello piu' lontano - impiegandoci quindici anni. Ci sono nebulose che
sono illuminate dalla luce di una nova che nel frattempo si e' spenta,
e altre cose ancora piu' buffe, la' fuori.

Questi effetti non si osservano: per cui, io vedo uno secco rifinito e
gli dico "Tu non mangi", vedo tre oggetti nel vuoto a distanze di 1, 2
e 3 parsec che si illuminano in tempi diversi, e penso "si vede che la
luce ci ha messo di piu' ad arrivare dalla nova all'oggetto a 3 parsec
rispetto a quanto ci ha messo per arrivare a quello a 1 parsec".

Poi magari mi sbaglio, ma dovendo scommettere scommetterei cosi'.

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
2009-02-28 14:50:34 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Sat, 28 Feb 2009 12:35:12 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
cut
Post by Leonardo Serni
Che, in genere, la velocita' della luce possa variare non mi sembra un
fenomeno particolarmente strano: 299.792 e' la velocita' in un mezzo a
densita' zero, e' possibile aumentarla in un mezzo a densita' minore -
non che sia facile ottenerlo.
beh sulla terra si fa fatica perchè come abbiamo detto oltre alla densità
del mezzo c'è anche una precisa influenza gravitazionale
alla quale comunque non ti puoi sottrarre, ma se non ci fosse nessuna
influenza gravitazionale? ( oh che non significa assenza di gravità ben
inteso)
Post by Leonardo Serni
Giusto per dirne uno... esplode una nova vicino ad una nebulosa. Se la
luce viaggiasse istantaneamente la luce della nova dovrebbe illuminare
TUTTA la nebulosa simultaneamente. Non prima il lato piu' vicino e poi
quello piu' lontano - impiegandoci quindici anni. Ci sono nebulose che
sono illuminate dalla luce di una nova che nel frattempo si e' spenta,
e altre cose ancora piu' buffe, la' fuori.
In una nebulosa la luce non può essere istantanea, anzi forse la sua
velocità è più bassa che sulla terra.

ARBEL
Leonardo Serni
2009-02-28 15:43:27 UTC
Permalink
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Post by Leonardo Serni
Che, in genere, la velocita' della luce possa variare non mi sembra un
fenomeno particolarmente strano: 299.792 e' la velocita' in un mezzo a
densita' zero, e' possibile aumentarla in un mezzo a densita' minore -
non che sia facile ottenerlo.
beh sulla terra si fa fatica perchè come abbiamo detto oltre alla densità
del mezzo c'è anche una precisa influenza gravitazionale
alla quale comunque non ti puoi sottrarre, ma se non ci fosse nessuna
influenza gravitazionale? ( oh che non significa assenza di gravità ben
inteso)
Sarebbe dvra, visto che la gravitazione va come 1/^r2 e non si azzera mai.

Oh, punti di (temporaneo) equilibrio fra masse vicine ce ne sono pure, ma,
in quei punti, senti l'influenza delle masse lontane.
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Post by Leonardo Serni
Giusto per dirne uno... esplode una nova vicino ad una nebulosa. Se la
luce viaggiasse istantaneamente la luce della nova dovrebbe illuminare
TUTTA la nebulosa simultaneamente. Non prima il lato piu' vicino e poi
quello piu' lontano - impiegandoci quindici anni. Ci sono nebulose che
sono illuminate dalla luce di una nova che nel frattempo si e' spenta,
e altre cose ancora piu' buffe, la' fuori.
In una nebulosa la luce non può essere istantanea, anzi forse la sua
velocità è più bassa che sulla terra.
Gia', ma i BORDI della nebulosa? Dove la nebulosa si perde nello spazio?

Non sono tutti alla stessa distanza dalla nova - e li vediamo illuminarsi
gradualmente. E' strano, tutto cio'.

Stesso discorso per i jet "superluminali": se la luce andasse a velocita'
infinita, non noteremmo nessun effetto "superluminale".

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Sokar
2009-02-28 15:21:48 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
Che, in genere, la velocita' della luce possa variare non mi
sembra un fenomeno particolarmente strano: 299.792 e' la velocita'
in un mezzo a densita' zero, e' possibile aumentarla in un mezzo a
densita' minore - non che sia facile ottenerlo.
Provo a fare un esempio, sperando di non scrivere corbellerie.

Facciamo per ipotesi che la densità corrisponda ad una lastra di vetro;
a 0 assoluto (il vuoto) la lastra è una comune lastra di vetro, quando
invece la densità aumenta, la lastra diventa convessa da un lato e a
maggiore densità si ha maggiore curvatura, in questo caso noi ci
accorgiamo che la densità non è uguale a zero, perché percepiamo una
distorsione ottica della luce che passa attraverso la lastra (lente).

Tu sostieni in pratica che teoricamente sarebbe possibile avere una
lastra con un lato concavo, quindi a densità negativa, ma che se così
fosse noi dovremmo accorgerci degli effetti sulla luce che filtra
quella lastra-lente.

Ora se non ho capito male, ARBEL dice:
1) tu non puoi sapere che cosa è a fuoco o meno (e sulle pernacchie qui
concordo), quindi tu non puoi sapere se la luce che vedi passa
attraverso una lastra-lente concava (densità minore di zero) o convessa
(maggiore di zero), perché non hai il concetto di come dovrebbe essere
il fuoco della sorgente luminosa (non potendo andare a vedere,
lasciando intendere che lui può).
-CONSIDERAZIONE - In questo caso però ARBEL finisce per dire che la
nostra fisica è altrettanto imperfetta della loro, perché anche loro
non saprebbero in realtà quale sia la velocità della luce, però si
accontenterebbe di affermare che C può essere superiore al numero che
conosciamo
2) ARBEL dice poi che noi vediamo gli effetti sulla LUCE visibile
(ovvero su una parte della lunghezza d'onda della luce) e quindi non fa
testo (se ho capito bene... perché le discussioni erano un po' troppo
lunghe da leggere)
3) Se non ho capito male ARBEL dice che gli effetti che noi vediamo
sullo spostamento di sorgenti luminose che non si trovano nel nostro
sistema solare (che so rivoluzioni di stelle binarie, etc...), e che ci
danno indirettamente conferma di C, in realtà le percepiamo così perché
quella è la luce che arriva a noi, ma non necessariamente quella luce
ha valori diversi.
Qui Leo e altri fanno notare che se così fosse, dovremmo assistere a
fenomeni di aberrazione ottica ben evidenti.

Ho cercato di fare un riepilogo sperando di non aver scritto
castronerie o travisato gli argomenti

S.
Sokar
2009-02-28 15:23:12 UTC
Permalink
Post by Sokar
accorgiamo che la densità non è uguale a zero, perché percepiamo una
distorsione ottica della luce che passa attraverso la lastra (lente).
preciso solo una cosa... "la distorsione ottica" è funzionale solo
all'esempio e non c'entra con la realtà

S.
A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
2009-03-01 15:27:56 UTC
Permalink
cut
Post by Sokar
1) tu non puoi sapere che cosa è a fuoco o meno (e sulle pernacchie
qui concordo), quindi tu non puoi sapere se la luce che vedi passa
attraverso una lastra-lente concava (densità minore di zero) o
convessa (maggiore di zero), perché non hai il concetto di come
dovrebbe essere il fuoco della sorgente luminosa (non potendo andare
a vedere, lasciando intendere che lui può).
Perchè ti devi associare alle pernacchie? abbiamo chiarito la questione
della messa a fuoco:
ho fatto2 esempi: prima l'albero inquadrato attraverso una fotocamera, (tu
l'albero lo conosci, ne hai esperienza diretta,
ci hai capocciato contro da bambino, ti ci sei arrampicato, hai scritto ti
amo sulla corteccia,hai anche le sue foglie in un vecchio libro,
il tutto si condensa in nella frase NE HAI ESPERIENZA) l'altro esempio il
globulo rosso che visto al microscopio ottico ha un aspetto e visto al
microscopio elettronico ne ha un altro.

Esempio n. 1 l'albero: significa che se tu metti a fuoco un albero ciò che
vedi è ciò che ti aspetti di vedere e questo per un unico motivo perchè ne
hai esperienza diretta dell'albero. ma se metti a fuoco un metalloide da
lontanto con un binocolo, tu vedi un qualcosa di cui non hai esperienza e
quindi non potrai mai essere sicuro che ciò che vedi sia ciò che è. Leonardo
dice, ma se lo strumento è sempre lo stesso e va bene per l'albero, è
proprio l'esperienza dell'albero che mi conferma che la messa a fuoco è
giusta anche per il metalloide. E' vero, è un ragionamento logico, tuttavia
osservando il metalloide tu devi limitarti a ciò che vedi dentro al binocolo
dato che non lo hai mai toccato,non conosci il materiale di cui è fatto, mai
analizzato in vita tua, NON NE HAI ESPERIENZA, quindi lo step successivo
deve essere di avvicinarti al metalloide per conseguirne la stessa
esperienza che hai dell'albero, dopo potrai essere anche sicuro che la tua
messa a fuoco vale anche su materiali diversi dal legno. Ma dopo non prima.

Esempio n.2 il globulo rosso: è il caso nel quale tu non potrai mai avere un
esperienza diretta, non puoi sederti su un globulo rosso per intenderci,
cambiando lo strumento cambia ciò che vedi, all'ottico infatti il globulo
rosso ha un aspetto totalmente diverso dall'aspetto che ha al microscopio
elettronico quindi l'osservazione è figlia della tecnologia che hai a
disposizione, tecnologia che avendo dei limiti precisi non ti consente
comunque di arrivare all'equivalenza "ciò che vedo è uguale a ciò che è in
realtà". Può sembrare filosofia, ma non lo è, è ciò che accade in tutti i
laboratori, perchè settorializzare il pensiero umano? la fisica da una parte
, la filosofia dall'altra, come se fossero due nemici che tentano di dare ai
fenomeni spiegazioni di parte? Non ha senso, chiamala fisicosofia, chiamala
come vuoi, ma il pensiero umano è integrato lo deve essere per arrivare a
obbiettivi difficili.
Post by Sokar
-CONSIDERAZIONE - In questo caso però ARBEL finisce per dire che la
nostra fisica è altrettanto imperfetta della loro, perché anche loro
non saprebbero in realtà quale sia la velocità della luce, però si
accontenterebbe di affermare che C può essere superiore al numero che
conosciamo
la perfezione dipende dallo step, e non esiste uno step finale se non
nell'immaginazione di Sid Meier (ô__ô), quindi non c'è nessun illuminato
arrivato e c'è spazio perchè chiunque si possa sentire ignorante davanti
alla natura. Alieni compresi.
Noi sappiamo come si comporta la luce, sappiamo che la luce è un fenomeno
locale, sappiamo che non ha senso basarsi su esperienze locali per
estrapolare una teoria universale, sappiamo che una costante è relativa al
sistema di riferimento ( frase che sta tanto sulle scatole a feynman [quello
vero] ).
Conosciamo la galassia in cui viviamo, conosciamo meno bene la galassia +
vicina, non conosciamo certe galassie remotissime.

ma il discorso voleva assolutamente esulare da quello che sappiamo noi.
stavamo parlando di quello che si fa o si potrà fare qui.


ARBEL
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-28 19:57:32 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Sat, 28 Feb 2009 12:35:12 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Leonardo Serni
Oh, stiamo solo sistemando dei mattoncini. Vediamo se costruiamo qualcosa.
Per esempio, io sono a una grande distanza da una fonte luminosa (inoltre,
non so a che velocita' si propaga la luce fra la fonte e me).
Pero' so che la fonte luminosa va avanti e indietro, oscillando, lungo una
traiettoria di cento miliardi di chilometri: e cioe', a un certo punto, la
fonte e' a distanza X da me; in un altro momento, e' a distanza X piu' 100
miliardi di chilometri.
Se nella zona in cui si trova la fonte - che non e' quella in cui mi trovo
io - la velocita' della luce e' un miliardo di km/s, quando la fonte sta a
distanza minima da me, la luce ci impiega un certo tempo ad arrivarmi (non
so quanto perche' non so la velocita' della luce fra la fonte e me).
Quando e' a distanza massima, cioe' la distanza di prima piu' 100 miliardi
di chilometri, la luce ci impiega lo stesso tempo sconosciuto di prima per
arrivarmi - piu' cento secondi.
Siamo ancora d'accordo?
Ascolta facciamo così, ora ti propongo due schemi, e senza preamboli o
giri di paroloni tecnici, ok?
La' sopra mica ce ne ho messi di paroloni tecnici. Suvvia, siamo in un
gruppo di discussione, si cerca un dialogo; se io parlo e tu parli per
conto tuo, non e' un dialogo, sono due monologhi.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Abbiamo due sorgenti di luce, la prima il nostro Sole(A), l'altro(B)
posizionato traversalmente al nostro ad una distanza di 1000 anni luce.
La luce di A arriva a destinazione (B) viaggiando a 299.792,458 Km/s
La luce di B arriva a destinazione (C)
Scusa, ma (C) dov'e'? Li' sopra non lo spieghi.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
ma nel percorso viene ostacolata
da (un campo di antiprotoni? una distorsione nel tessuto spazio-tempo?
ecc.), rallentata per poi accelerata.
Ora la domanda è: secondo te l'ipotesi B-->C è plausibile o lo escludi a
priori, a prescindere dalle attuali conoscenze scientifiche?
Senza sapere cosa sia, o dove sia (C), non e' per cattiveria, ma penso
tu capisca che non posso rispondere.
Che, in genere, la velocita' della luce possa variare non mi sembra un
fenomeno particolarmente strano: 299.792 e' la velocita' in un mezzo a
densita' zero, e' possibile aumentarla in un mezzo a densita' minore -
non che sia facile ottenerlo.
Pero', *tutto* quello che si fa ha delle conseguenze: se mangi come un
lotro, metti su un quintale, se ti dai una martellata ti fai male ecc.
ecc.; se la luce nel cosmo andasse (in certe zone) piu' velocemente si
dovrebbero osservare determinati effetti.
Giusto per dirne uno... esplode una nova vicino ad una nebulosa. Se la
luce viaggiasse istantaneamente la luce della nova dovrebbe illuminare
TUTTA la nebulosa simultaneamente. Non prima il lato piu' vicino e poi
quello piu' lontano - impiegandoci quindici anni. Ci sono nebulose che
sono illuminate dalla luce di una nova che nel frattempo si e' spenta,
e altre cose ancora piu' buffe, la' fuori.
Questi effetti non si osservano: per cui, io vedo uno secco rifinito e
gli dico "Tu non mangi", vedo tre oggetti nel vuoto a distanze di 1, 2
e 3 parsec che si illuminano in tempi diversi, e penso "si vede che la
luce ci ha messo di piu' ad arrivare dalla nova all'oggetto a 3 parsec
rispetto a quanto ci ha messo per arrivare a quello a 1 parsec".
Poi magari mi sbaglio, ma dovendo scommettere scommetterei cosi'.
Leonardo
Scusa si ti quoto l'intero reply ma vorrei capire una cosa:


Attenendomi agli attuali dati scientifici... la Luce è l'energia più
veloce che esista, giusto? Che attualmente è fissata a 289.792.458 Km/s,
non un punto in più, ancora giusto?
Ora la domanda è: se non c'è niente (strumentalmente) che possa misurare
una velocità maggiore, come fa la scienza a sostenere che non esiste
una velocità di 100, 1000 o 1.000.000 di volte superiore se manca la
fonte di base per affermare ciò? Voglio dire se lo "strumento" che la
misura ha dei limiti intrinsechi COME DIAVOLO SI FA A DIRE CHE
289.792.458 Km/s E' LA VELOCITA' MASSIMA ESISTENTE IN NATURA?

Mah...



Marco
Leonardo Serni
2009-02-28 21:30:43 UTC
Permalink
On Sat, 28 Feb 2009 20:57:32 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Attenendomi agli attuali dati scientifici... la Luce è l'energia più
veloce che esista, giusto? Che attualmente è fissata a 289.792.458 Km/s,
non un punto in più, ancora giusto?
Si'. 299.792,458 per fare proprio i pignoli, ma si'.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Ora la domanda è: se non c'è niente (strumentalmente) che possa misurare
una velocità maggiore, come fa la scienza a sostenere che non esiste
una velocità di 100, 1000 o 1.000.000 di volte superiore
Be', "velocita'" e' un altro modo per dire "spazio diviso tempo". Tanto e'
vero che la indichiamo con un'unita' di misura composta di spazio e tempo,
"chilometri al secondo".

Un fenomeno che si propaghi, su una distanza di un chilometro, in un tempo
di 1/300.000 di secondo - tre microsecondi ed un terzo - va alla velocita'
della luce; se ci mette meno di 3335 nanosecondi vuol dire che sta andando
piu' veloce della luce.

Un nanosecondo e' il tempo di clock d'una CPU a 1GHz: se un segnale riesce
a fare anda e rianda su un percorso di 500 metri in meno tempo di quanto -
dico per dire - un P4 1 GHz riesce a contare fino a 3335, quel segnale sta
andando piu' veloce della luce... e si puo' misurare (fino a 3334 volte la
velocita' della luce. Poi serve una CPU piu' veloce :-) ).
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
se manca la
fonte di base per affermare ciò? Voglio dire se lo "strumento" che la
misura ha dei limiti intrinsechi COME DIAVOLO SI FA A DIRE CHE
289.792.458 Km/s E' LA VELOCITA' MASSIMA ESISTENTE IN NATURA?
Incidentalmente, hai gia' trovato una delle due soluzioni. "In natura": ma
si possono forse creare condizioni innaturali per cui la velocita' aumenta
(non si puo' andare piu' veloci della luce - ma la luce puo' accelerare).

La relativita' garantisce solo che la luce sia la velocita' limite in ogni
sistema di riferimento locale: non ti dice ne' che il limite sia "tot" ne'
che non si possa aggirare in qualche modo.

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
skywalker
2009-03-02 12:20:30 UTC
Permalink
On Feb 28, 8:57 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Ora la domanda è: se non c'è niente (strumentalmente) che possa misurare
  una velocità maggiore, come fa la scienza a sostenere che non esiste
una velocità di 100, 1000 o 1.000.000 di volte superiore se manca la
fonte di base per affermare ciò? Voglio dire se lo "strumento" che la
misura ha dei limiti intrinsechi COME DIAVOLO SI FA A DIRE CHE
289.792.458 Km/s E' LA VELOCITA' MASSIMA ESISTENTE IN NATURA?
MA LOL!

E chi l'ha detto che "non c'è niente (strumentalmente) che possa
misurare
una velocità maggiore ... " ??? E` solo una tua illazione! Guarda che
velocita`
di quell'ordine di grandezza si misurano benissimo, basta una
distanza
opportuna ed un cronometro abbastanza preciso, che esistono ! Per
fare
un esempio semplice, se la distanza e` quella dalla terra al sole, il
tempo e`
~ 8 minuti ed un tempo del genere lo misura agevolmente e con una
certa
precisione anche il mio sector da polso.

Con il clock di una CPU attuale si supera la risuluzione del
nanosecondo
e basta qualche decina di metri per misurare le velocita` della luce;
e se
esistesse una velocita`, poniamo, 10 volte superiore, la si potrebbe
benissimo
ancora misurare.

solo che non esiete NULLA che vada 10 volte la luce !!!

Ma quando ti renderai conto che guardando solo star trek NON SARAI MAI
IN GRADO di capire nemmeno cose cosi banali ? Altro che multi-versi e
supercazzole ...

sky
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-03-02 13:19:57 UTC
Permalink
Post by skywalker
solo che non esiete NULLA che vada 10 volte la luce !!!
Ah si e chi lo dice? La Fisica e la sua SCONFINATA conoscenza di TUTTE
LE LEGGI UNIVERSALI? Te lo do io ora un beL STRA-MEGA-LOL

Beato te che ci credi..
Post by skywalker
Ma quando ti renderai conto che guardando solo star trek NON SARAI MAI
IN GRADO di capire nemmeno cose cosi banali ? Altro che multi-versi e
supercazzole ...
sky
Si sfotti pure ma quando la "vostra" presuzione verrà smontata dalla
VERA scienza ne riparleremo.


Ora tornatene pure a rileggerti le tue formuline di fisica va...



Marco
feynman
2009-03-02 13:23:25 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si sfotti pure ma quando la "vostra" presuzione verrà smontata dalla
VERA scienza ne riparleremo.
ci puoi anche dire QUANDO la VERA scienza trionferà o passerai tutta òa
vita nell'attesa?
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Ora tornatene pure a rileggerti le tue formuline di fisica va...
non è questione di "rileggersi formuline", è questione di farsi una
buona cultura di base con studio e fatica.
Due parole che a gente come te sono particolarmente indigeste.

ciao
feynman
--
la massa a riposo del fotone secondo l'alieno scemo arbel?
10^-18 g ossia come 600.000 protoni LOL!
skywalker
2009-03-02 15:20:32 UTC
Permalink
On Mar 2, 2:19 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
<***@gmail.com> wrote:

Marco, come mai hai abilmente tagliato la parte in cui rispondevo
alla tua domanda ?
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Ora la domanda è: se non c'è niente (strumentalmente) che possa misurare
una velocità maggiore, come fa la scienza a sostenere che non esiste
una velocità di 100, 1000 o 1.000.000 di volte superiore se manca la
fonte di base per affermare ciò? Voglio dire se lo "strumento" che la
misura ha dei limiti intrinsechi COME DIAVOLO SI FA A DIRE CHE
289.792.458 Km/s E' LA VELOCITA' MASSIMA ESISTENTE IN NATURA?
. Mah...
"Mah" un bel corno, e` una risposta alla quale ci puo` arrivare quasi
un bambino delle elementari, e tu no.

pensaci, invece di fare tanto l'arrogante.

sky
skywalker
2009-03-02 12:53:58 UTC
Permalink
On Feb 28, 8:57 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Ora la domanda è: se non c'è niente (strumentalmente) che possa misurare
  una velocità maggiore, come fa la scienza a sostenere che non esiste
una velocità di 100, 1000 o 1.000.000 di volte superiore se manca la
fonte di base per affermare ciò? Voglio dire se lo "strumento" che la
misura ha dei limiti intrinsechi COME DIAVOLO SI FA A DIRE CHE
289.792.458 Km/s E' LA VELOCITA' MASSIMA ESISTENTE IN NATURA?
Mah...
te lo spiego in modo ancora piu` semplice: per misurare la velocita`
dei
fotoni, o dei pippioni inventati da Archimede che vanno ancora piu`
veloci ;)
NON e` necessario un omino che parta assieme al fotone e sia in grado
di
correre ancora piu` forte e di superarlo !!! Basta la piu` elementare
delle
equazioni della cinematica, s=vt. (proprio ieri mio figlio, quarta
elementare,
aveva da fare un paio di problemini che richedevano proprio la
comprensione
di quello!!! QUARTA ELEMENTARE, NON LAUREA, STN !!!)

Lo so che non rispondi perche` ti brucia troppo, ma con start trek NON
solo
non sai trovare le risposte alle domande piu` semplici, ma NEMMENO
PORTI
LE DOMANDE IN MODO CORRETTO, come almeno saprebbe fare un bambino
delle elementari.

sky
Kennyt
2009-02-27 21:07:17 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
No, no. La luce VIAGGIA a un miliardo di km/s. Ma, stabilito questo, dato
per SICURO che la luce viaggi ad un miliardo di km/s; saresti disposto ad
ammettere che la luce viaggi ad un miliardo di km/s?
ahh,
hai trovato finalmente una novantina di anni liberi...
non ti basteranno...
Shakti
2009-03-01 15:31:55 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Fri, 27 Feb 2009 16:57:31 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s,
non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo
penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite
è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
Cioe': se "nessuno sa spiegare" perche' una cosa e' in un certo modo,
allora potrebbe essere anche in tutt'altro modo?
E' un punto di vista un po' *parecchio* egocentrico.
Comunque, per amor di discussione, saresti disposto ad ammettere che,
se la luce va ad un miliardo di chilometri al secondo, per percorrere
un miliardo di chilometri ci impiega un secondo? Oppure, e' un limite
arbitrario anche questo?
...
CUT


Cito:

Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna

"Un getto di materia altamente ionizzato si è propagato nel cosmo a una
velocità prossima a quella della luce" spiega Ronaldo Bellazzini,
responsabile dell'esperimento Fermi per l'Infn. I rilevatori hanno
registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni) gamma ad alta e a
bassa energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla stessa
sorgente, entrambi i tipi di fotoni hanno percorso 12 miliardi di anni
luce ma, contrariamente a quanto prevede la relatività ristretta
(secondo cui la velocità della luce nel vuoto è costante), sono
arrivati in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi.

Secondo la responsabile di Fermi per l'Inaf, Patrizia Caraveo, è "un
dato importante, che si sta rivelando una caratteristica comune dei
lampi gamma". "Ritardi di questo tipo sono stati già osservati, ma mai
in modo così evidente", dice Bellazzini. "
Leonardo Serni
2009-03-01 18:57:57 UTC
Permalink
Post by Shakti
Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna
Temo che l'articolista si sia fatto un po' trascinare...
Post by Shakti
"Un getto di materia altamente ionizzato si è propagato nel cosmo a una
velocità prossima a quella della luce" spiega Ronaldo Bellazzini,
responsabile dell'esperimento Fermi per l'Infn. I rilevatori hanno
registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni) gamma ad alta e a
bassa energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla stessa
sorgente, entrambi i tipi di fotoni hanno percorso 12 miliardi di anni
luce ma, contrariamente a quanto prevede la relatività ristretta
(secondo cui la velocità della luce nel vuoto è costante), sono
arrivati in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi.
Questo e' perfettamente d'accordo con quello che prevede la relativita'
ristretta: la velocita' della luce e' costante, nel vuoto. Ma lo spazio
interstellare non e' vuoto.

Si sa da una ventina d'anni che la velocita' della luce nello spazio e'
leggermente inferiore alla velocita' della luce nel vuoto.

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Shakti
2009-03-01 20:09:11 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna
Temo che l'articolista si sia fatto un po' trascinare...
Dici?
Lo dicono un po dappertutto.
Stato annunciato anche al tg qualche settimana fa.
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
"Un getto di materia altamente ionizzato si è propagato nel cosmo a una
velocità prossima a quella della luce" spiega Ronaldo Bellazzini,
responsabile dell'esperimento Fermi per l'Infn. I rilevatori hanno
registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni) gamma ad alta e a
bassa energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla stessa
sorgente, entrambi i tipi di fotoni hanno percorso 12 miliardi di anni
luce ma, contrariamente a quanto prevede la relatività ristretta
(secondo cui la velocità della luce nel vuoto è costante), sono
arrivati in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi.
Questo e' perfettamente d'accordo con quello che prevede la relativita'
ristretta: la velocita' della luce e' costante, nel vuoto. Ma lo spazio
interstellare non e' vuoto.
Uelà Sig Serni.... allora la velocità della luce non è costante e
l'univero non è "vuoto"....
Però... però.... due fotoni partiti nello stesso momento (non penso da
due "spazi" diversi visto che provengono dalla stessa esplosione), uno
arriva prima e l'altro no?
Mmmmmmmmm
Che strada ha fatto l'altro?
Cosa ha incontrato?
Che percorso ha fatto per essere rilevato nello stesso "laboratorio"?

Mah misteri!
Post by Leonardo Serni
Si sa da una ventina d'anni che la velocita' della luce nello spazio e'
leggermente inferiore alla velocita' della luce nel vuoto.
Leonardo
Allora dovevano arrivare contemporaneamente.
Leonardo Serni
2009-03-01 21:58:17 UTC
Permalink
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna
Temo che l'articolista si sia fatto un po' trascinare...
Dici?
Lo dicono un po dappertutto.
Stato annunciato anche al tg qualche settimana fa.
E i TG forniscono sempre informazioni scientificamente esatte. Right :-)
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
(secondo cui la velocità della luce nel vuoto è costante), sono
arrivati in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi.
Questo e' perfettamente d'accordo con quello che prevede la relativita'
ristretta: la velocita' della luce e' costante, nel vuoto. Ma lo spazio
interstellare non e' vuoto.
Uelà Sig Serni.... allora la velocità della luce non è costante e
l'univero non è "vuoto"....
Certamente - nel vetro, per esempio, la velocita' della luce e' circa il
60% di c. Nell'acqua, circa il 75%.

Addirittura la luce di due colori differenti viaggia a velocita' diverse
- per cui la luce rossa e verde è deviata in misure diverse quando passa
attraverso delle gocce d'acqua.

E lo spazio interstellare non e' vuoto, anche se lo e' "quasi". Ma anche
nello spazio piu' vuoto, qualche atomo per metro cubo ce lo trovi. Poco,
pochissimo - ma se ci pensi, cosa sono sedici secondi su dodici miliardi
di anni luce?

In aggiunta a questo, non e' detto che anche il vuoto assoluto presenti,
sempre e comunque, indice di rifrazione 1 (saro' buono: magari e' questo
che voleva dire il giornalista).
Post by Shakti
Però... però.... due fotoni partiti nello stesso momento (non penso da
due "spazi" diversi visto che provengono dalla stessa esplosione), uno
arriva prima e l'altro no?
Esattamente. Di pochissimo - sedici secondi su 12 miliardi di anni! - ma
uno arriva prima e l'altro dopo.

E nello stesso modo, quando guardi un arcobaleno la luce verde ha subito
un rallentamento, quella rossa un rallentamento diverso. Eppure e' tutta
la stessa luce, viene dallo stesso Sole, passa dalla stessa acqua, entra
nello stesso occhio.
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Si sa da una ventina d'anni che la velocita' della luce nello spazio e'
leggermente inferiore alla velocita' della luce nel vuoto.
Allora dovevano arrivare contemporaneamente.
No - la velocita' dei raggi gamma piu' energetici non e' uguale a quella
dei raggi gamma meno energetici, come la luce verde non va alla medesima
velocita' della luce rossa.

(Ovviamente, nell'aria e nell'acqua, enormemente piu' dense dello spazio
interstellare, il fenomeno e' enormemente piu' visibile).

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Shakti
2009-03-07 16:49:16 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna
Temo che l'articolista si sia fatto un po' trascinare...
Dici?
Lo dicono un po dappertutto.
Stato annunciato anche al tg qualche settimana fa.
E i TG forniscono sempre informazioni scientificamente esatte. Right :-)
quando fa comodo ai salami riguardo la politica, fa mooooolto testo
:-))
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Uelà Sig Serni.... allora la velocità della luce non è costante e
l'univero non è "vuoto"....
Certamente - nel vetro, per esempio, la velocita' della luce e' circa il
60% di c. Nell'acqua, circa il 75%.
Addirittura la luce di due colori differenti viaggia a velocita' diverse
- per cui la luce rossa e verde è deviata in misure diverse quando passa
attraverso delle gocce d'acqua.
E lo spazio interstellare non e' vuoto, anche se lo e' "quasi". Ma anche
nello spazio piu' vuoto, qualche atomo per metro cubo ce lo trovi. Poco,
pochissimo - ma se ci pensi, cosa sono sedici secondi su dodici miliardi
di anni luce?
Tanto tempo se la velocità dovrebbe essere costante... ed è un po
assurdo pensare che un fotone abbia trovato uno spazio "denso" di atomi
per avere quel ritardo, mentre l'altro no.
Post by Leonardo Serni
In aggiunta a questo, non e' detto che anche il vuoto assoluto presenti,
sempre e comunque, indice di rifrazione 1 (saro' buono: magari e' questo
che voleva dire il giornalista).
Non so che voleva dire il giornalista.
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Però... però.... due fotoni partiti nello stesso momento (non penso da
due "spazi" diversi visto che provengono dalla stessa esplosione), uno
arriva prima e l'altro no?
Esattamente. Di pochissimo - sedici secondi su 12 miliardi di anni! - ma
uno arriva prima e l'altro dopo.
Normalmente questo effetto era giò stato riscontrato, ma i secondi di
ritarso erano circa 5.
Non 16.
Post by Leonardo Serni
E nello stesso modo, quando guardi un arcobaleno la luce verde ha subito
un rallentamento, quella rossa un rallentamento diverso. Eppure e' tutta
la stessa luce, viene dallo stesso Sole, passa dalla stessa acqua, entra
nello stesso occhio.
giò ... ma non si parla di due fotoni diversi e tanto meno di colori.
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Si sa da una ventina d'anni che la velocita' della luce nello spazio e'
leggermente inferiore alla velocita' della luce nel vuoto.
Allora dovevano arrivare contemporaneamente.
No - la velocita' dei raggi gamma piu' energetici non e' uguale a quella
dei raggi gamma meno energetici, come la luce verde non va alla medesima
velocita' della luce rossa.
(Ovviamente, nell'aria e nell'acqua, enormemente piu' dense dello spazio
interstellare, il fenomeno e' enormemente piu' visibile).
Leonardo
Non sono stati citati differenze di fotoni.
Leonardo Serni
2009-03-18 00:49:02 UTC
Permalink
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Lo dicono un po dappertutto.
Stato annunciato anche al tg qualche settimana fa.
E i TG forniscono sempre informazioni scientificamente esatte. Right :-)
quando fa comodo ai salami riguardo la politica, fa mooooolto testo
:-))
E quindi e' esatto anche negli altri casi. Right :-)
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Addirittura la luce di due colori differenti viaggia a velocita' diverse
- per cui la luce rossa e verde è deviata in misure diverse quando passa
attraverso delle gocce d'acqua.
E lo spazio interstellare non e' vuoto, anche se lo e' "quasi". Ma anche
nello spazio piu' vuoto, qualche atomo per metro cubo ce lo trovi. Poco,
pochissimo - ma se ci pensi, cosa sono sedici secondi su dodici miliardi
di anni luce?
Tanto tempo se la velocità dovrebbe essere costante... ed è un po
assurdo pensare che un fotone abbia trovato uno spazio "denso" di atomi
per avere quel ritardo, mentre l'altro no.
No, come dicevo: lo STESSO spazio (la STESSA acqua, lo STESSO vetro) ma
due velocita' differenti, se i due raggi di luce hanno energie diverse;
cosa che per la luce visibile chiamiamo "colori diversi".
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Però... però.... due fotoni partiti nello stesso momento (non penso da
due "spazi" diversi visto che provengono dalla stessa esplosione), uno
arriva prima e l'altro no?
Esattamente. Di pochissimo - sedici secondi su 12 miliardi di anni! - ma
uno arriva prima e l'altro dopo.
Normalmente questo effetto era giò stato riscontrato, ma i secondi di
ritarso erano circa 5.
Non 16.
Gia', ma non era la stessa esplosione; era una esplosione piu' vicina -
o cosi' affermano gli autori della misurazione, che dicono come la loro
sia la misurazione fatta alla distanza (finora) maggiore.
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
E nello stesso modo, quando guardi un arcobaleno la luce verde ha subito
un rallentamento, quella rossa un rallentamento diverso. Eppure e' tutta
la stessa luce, viene dallo stesso Sole, passa dalla stessa acqua, entra
nello stesso occhio.
giò ... ma non si parla di due fotoni diversi e tanto meno di colori.
Be'... si'. Si parla di "fotoni gamma ad alta e bassa energia". Siccome
un fotone puo' avere un'energia sola, se e' bassa non e' alta (e, se e'
alta, non e' bassa) per avere "alte e basse" energie servono almeno due
fotoni: i due fotoni sono quindi *probabilmente* due fotoni diversi (in
alcuni esperimenti potrebbe essere due fotoni uguale - ma e' un diverso
campo della fisica).

E "colori diversi" e' la stessa cosa che dire "energie diverse".
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
No - la velocita' dei raggi gamma piu' energetici non e' uguale a quella
dei raggi gamma meno energetici, come la luce verde non va alla medesima
velocita' della luce rossa.
(Ovviamente, nell'aria e nell'acqua, enormemente piu' dense dello spazio
interstellare, il fenomeno e' enormemente piu' visibile).
Non sono stati citati differenze di fotoni.
http://mysterium.blogosfere.it/2009/02/spazio-il-telescopio-fermi-apre-una-finestra-oltre-la-relativita.html

"i DUE rivelatori hanno registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni)
gamma ad ALTA e a BASSA energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla
stessa sorgente, ENTRAMBI I TIPI di fotoni hanno percorso 12 miliardi di
anni luce ma, contrariamente a quanto prevede la relativita' ristretta
(secondo cui la velocita' della luce nel vuoto e' costante), sono arrivati
in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi."

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
Goffredo P.
2009-03-18 16:17:12 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
http://mysterium.blogosfere.it/2009/02/spazio-il-telescopio-fermi-apre-una-finestra-oltre-la-relativita.html
"i DUE rivelatori hanno registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni)
gamma ad ALTA e a BASSA energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla
stessa sorgente, ENTRAMBI I TIPI di fotoni hanno percorso 12 miliardi di
anni luce ma, contrariamente a quanto prevede la relativita' ristretta
(secondo cui la velocita' della luce nel vuoto e' costante), sono arrivati
in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi."
mh, non ho seguito il thread ma a me, di prima mano, viene in mente
che quel ritardo di 16 secondi nei segnali a bassa e ad alta energia
possa essere attribuito almeno all'estensione (spaziale) della
sorgente : da un lato della sorgente viene emesso un "fiotto" di gamma
a bassa energia che si propaga, mettiamo, in tutte le direzioni quindi
anche verso un "osservatore" posto sul telescopio satellitare "Fermi";
dal lato opposto vene emesso, sempre in tutte le direzioni[1] etc, un
"fiotto" di gamma ad alta energia. Se i due "fiotti" fossero emessi
"contemporaneamente", quello emesso dal lato a noi piu' distante
arriverebbe a noi con un ritardo temporale. Lasciando per ora perdere
i "rallentamenti" gravitazionali ed altri "relativismi" matematici
(tra le altre cose non conosco la Massa M iniziale della sorgente del
GRB e manco quella del Black Hole in questione, quindi manco il suo
"raggio gravitazionale"), approssimativamente e moolto ma moolto
classicamente l'estensione spaziale della sorgente potrebbe essere
paragonabile al doppio della distanza Terra-Sole. Siccome si parla di
gamma ray burts dovuti al collasso gravitazionale di una stella, come
dimensioni della sorgente (prima e nel mentre del collasso : per il
dopo dipende da M e altre cosette) mi sa che con un R=2 UA ci siamo
quasi...

[1] non dico "isotropicamente" ma che comunque abbia "spennellato" i
sensori del telescopio "Fermi"

Dopotutto nella news da te sopra riportata si legge che "la gigantesca
esplosione" e' "durata qualche minuto" e che i due GRB sono partiti
"contemporaneamente dalla stessa sorgente". Non so come abbiano fatto
a dire che i due GRB siano partiti "contemporaneamente" : e se fossero
partiti l'uno dall'altro PROPRIO con 16 secondi di ratardo?? Mah,
forse sara' meglio se cerchero', quando passero' per Roma o per altre
vie, lo specifico articolo di "Science" dove si parla del GRB080916C..
Post by Leonardo Serni
Leonardo
Goffredo
--
<<STO SU IDU ESSENZIALMENTE PER ROMPERE LE PALLE AL... "GRUPPO DI PERSONCINE",
E PER DIFFONDERE, nei limiti del possibile, una informazione ben diversa dai
raffazzonati qualunquismi di stampo cicappino>> (da Antonio Bruno, su IDU il
4/11/03 in risposta a Mbgiorge nel thread "[OT] Piero Angela vs Omeopati 1-0")
Aggiornamento : http://www.cittaoggiweb.it/images_db/22/0002130rl.jpg
Attenzione : l'email "***@mplex.invalid" del msd e'di proposito falsa!
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-03-02 11:40:55 UTC
Permalink
Post by Shakti
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
Il telescopio spaziale della Nasa ha registrato l'esplosione più
violenta mai osservata, il collasso di una stella lontana 12 miliardi
di anni luce.
Che ora mette in dubbio uno dei pilastri della scienza moderna
Temo che l'articolista si sia fatto un po' trascinare...
Dici?
Lo dicono un po dappertutto.
Stato annunciato anche al tg qualche settimana fa.
Post by Leonardo Serni
Post by Shakti
"Un getto di materia altamente ionizzato si è propagato nel cosmo a
una velocità prossima a quella della luce" spiega Ronaldo Bellazzini,
responsabile dell'esperimento Fermi per l'Infn. I rilevatori hanno
registrato l'arrivo di particelle di luce (fotoni) gamma ad alta e a
bassa energia. Ossia, partendo contemporaneamente dalla stessa
sorgente, entrambi i tipi di fotoni hanno percorso 12 miliardi di
anni luce ma, contrariamente a quanto prevede la relatività ristretta
(secondo cui la velocità della luce nel vuoto è costante), sono
arrivati in tempi diversi, con uno scarto fino a 16 secondi.
Questo e' perfettamente d'accordo con quello che prevede la relativita'
ristretta: la velocita' della luce e' costante, nel vuoto. Ma lo spazio
interstellare non e' vuoto.
Uelà Sig Serni.... allora la velocità della luce non è costante e
l'univero non è "vuoto"....
Però... però.... due fotoni partiti nello stesso momento (non penso da
due "spazi" diversi visto che provengono dalla stessa esplosione), uno
arriva prima e l'altro no?
Mmmmmmmmm
Che strada ha fatto l'altro?
Cosa ha incontrato?
Che percorso ha fatto per essere rilevato nello stesso "laboratorio"?
Mah misteri!
Avrà finito il carburante e non c'erano asteroidi-rifornimento in zona!
^___^



Marco
Sokar
2009-02-27 17:04:07 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
Non penso che alla scienza interessi saperlo, se non come ulteriore
passo verso la conoscenza, ma poi, ammettendo che sia scientificamente
alla portata, non sarebbe certo un passo conclusivo... quindi, perché
domandarselo?

Come non penso che possa cambiarci la vita sapere se C possa essere
superato o meno... anzi, lo chiedo a chi è più esperto di me: in linea
teorica, avere una teoria scientifica verificata che ci permetta di
appurare che C non è una costante, e che può assumere anche valori
diversi (valori più elevati, dato che da quello che ho capito è
possibile tuttora il contrario) che cosa potrebbe cambiare? Non parlo
della teoria in sé che immagino sarebbe rivoluzionaria, ma proprio
dello specifico valore di C (sempre che sia possibile scollegare le due
cose).

S.
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 17:24:16 UTC
Permalink
Post by Sokar
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
Non penso che alla scienza interessi saperlo, se non come ulteriore
passo verso la conoscenza, ma poi, ammettendo che sia scientificamente
alla portata, non sarebbe certo un passo conclusivo... quindi, perché
domandarselo?
Come non penso che possa cambiarci la vita sapere se C possa essere
superato o meno... anzi, lo chiedo a chi è più esperto di me: in linea
teorica, avere una teoria scientifica verificata che ci permetta di
appurare che C non è una costante, e che può assumere anche valori
diversi (valori più elevati, dato che da quello che ho capito è
possibile tuttora il contrario) che cosa potrebbe cambiare? Non parlo
della teoria in sé che immagino sarebbe rivoluzionaria, ma proprio
dello specifico valore di C (sempre che sia possibile scollegare le due
cose).
S.
Vado a farmi la doccia rispondo poi... :)



Marco
skywalker
2009-03-02 13:02:01 UTC
Permalink
On Feb 27, 6:24 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Vado a farmi la doccia rispondo poi... :)
...

seeeeee ...

vai a farti la scuola media con le 150 ore, e poi, forse, non saprai
rispondere,
ma almeno capirai quante stupidaggini dici ...
feynman
2009-03-02 13:24:22 UTC
Permalink
On Feb 27, 6:24 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Vado a farmi la doccia rispondo poi... :)
...
seeeeee ...
vai a farti la scuola media con le 150 ore, e poi, forse, non saprai
rispondere,
ma almeno capirai quante stupidaggini dici ...
me lo chiedo da alcuni anni:
la terza media dovrebbe per forza avercela...
ce l'avrà?

ciao
feynman
--
la massa a riposo del fotone secondo l'alieno scemo arbel?
10^-18 g ossia come 600.000 protoni LOL!
skywalker
2009-03-02 15:41:04 UTC
Permalink
Post by feynman
la terza media dovrebbe per forza avercela...
ce l'avrà?
o ce l'ha ma ha ferquentato con scarsi successi ...

o e` un fake che crede di prendere in giro gli altri
frequentatori (e sono sempre piu` convinto della
seconda, dopo la storia della guarigione ... ;)

ciao :)

sky
Goffredo P.
2009-03-03 21:06:29 UTC
Permalink
Il Mon, 2 Mar 2009 07:41:04 -0800 (PST), skywalker
Post by skywalker
Post by feynman
la terza media dovrebbe per forza avercela...
ce l'avrà?
o ce l'ha ma ha ferquentato con scarsi successi ...
o e` un fake che crede di prendere in giro gli altri
frequentatori (e sono sempre piu` convinto della
seconda, dopo la storia della guarigione ... ;)
anghe mi..
Post by skywalker
ciao :)
sky
Gofredo
--
<<STO SU IDU ESSENZIALMENTE PER ROMPERE LE PALLE AL... "GRUPPO DI PERSONCINE",
E PER DIFFONDERE, nei limiti del possibile, una informazione ben diversa dai
raffazzonati qualunquismi di stampo cicappino>> (da Antonio Bruno, su IDU il
4/11/03 in risposta a Mbgiorge nel thread "[OT] Piero Angela vs Omeopati 1-0")
Aggiornamento : Loading Image...
Attenzione : l'email "***@mplex.invalid" del msd e'di proposito falsa!
Kennyt
2009-03-03 23:33:51 UTC
Permalink
Post by Goffredo P.
Il Mon, 2 Mar 2009 07:41:04 -0800 (PST), skywalker
Post by skywalker
Post by feynman
la terza media dovrebbe per forza avercela...
ce l'avrà?
o ce l'ha ma ha ferquentato con scarsi successi ...
o e` un fake che crede di prendere in giro gli altri
frequentatori (e sono sempre piu` convinto della
seconda, dopo la storia della guarigione ... ;)
anghe mi..
Mi no,
e' troppo scemo allo stato dell' arte per essere finto.
ciao
Ken
Goffredo P.
2009-03-06 15:44:39 UTC
Permalink
Post by Kennyt
Post by Goffredo P.
Il Mon, 2 Mar 2009 07:41:04 -0800 (PST), skywalker
Post by skywalker
Post by feynman
la terza media dovrebbe per forza avercela...
ce l'avrà?
o ce l'ha ma ha ferquentato con scarsi successi ...
o e` un fake che crede di prendere in giro gli altri
frequentatori (e sono sempre piu` convinto della
seconda, dopo la storia della guarigione ... ;)
anghe mi..
Mi no,
e' troppo scemo allo stato dell' arte per essere finto.
dipende se ci fa o se c'e' : se c'e' (troppo scemo), non puo' farci;
se ci fa... fa il troppo scemo quanto gli basta per far fessi gli
altri. Per me MM non esiste nella "RL" ma esiste chi si spaccia per un
tal MM, e guarda che potrebbe spacciarsi per il tal MM (di nick) lo
stesso e ben noto COGLIONE del NG.

/lic. poetik On
Quando e se ci incontrerem in un giorno di ciel pulito per ammirar
insiem la stellata volta, in quel frangent ti rendero' edotto del mi
piu' profond pensier su quelo che ho detto...
/lic. poetik Off
Post by Kennyt
ciao
Ken
Ciao, Goff
--
<<STO SU IDU ESSENZIALMENTE PER ROMPERE LE PALLE AL... "GRUPPO DI PERSONCINE",
E PER DIFFONDERE, nei limiti del possibile, una informazione ben diversa dai
raffazzonati qualunquismi di stampo cicappino>> (da Antonio Bruno, su IDU il
4/11/03 in risposta a Mbgiorge nel thread "[OT] Piero Angela vs Omeopati 1-0")
Aggiornamento : http://www.cittaoggiweb.it/images_db/22/0002130rl.jpg
Attenzione : l'email "***@mplex.invalid" del msd e'di proposito falsa!
Leonardo Serni
2009-02-27 17:54:56 UTC
Permalink
Post by Sokar
Come non penso che possa cambiarci la vita sapere se C possa essere
superato o meno... anzi, lo chiedo a chi è più esperto di me: in linea
teorica, avere una teoria scientifica verificata che ci permetta di
appurare che C non è una costante, e che può assumere anche valori
diversi (valori più elevati, dato che da quello che ho capito è
possibile tuttora il contrario) che cosa potrebbe cambiare? Non parlo
della teoria in sé che immagino sarebbe rivoluzionaria, ma proprio
dello specifico valore di C
Mah... sostanzialmente niente. Nel caso che c vari in modo notevole da
punto a punto, dovremmo riscrivere una parte dell'ottica per capire il
motivo per cui non ne vediamo l'effetto; o forse, modificare la teoria
del fotone.

Le stelle distanti 10 parsec sarebbero ancora distanti 10 parsec; solo
che a quel punto un parsec non sarebbe piu' X anni-luce.

Diciamo che e' un po' come misurare la distanza Milano-Roma in km o in
litri di benzina. Finche' c'e' una legge che dice che le auto bruciano
esattamente 1/20 litri per chilometro, un certo tot di calcoli vengono
belli facili. Se il numero viene cambiato e diventa 1/15 o 1/100, poco
cambia.

Se salta fuori che il numero cambia a seconda della macchina o secondo
quanto disti da Empoli - e' un casino perche' non puoi piu' orientarti
semplicemente guardando il serbatoio, e magari si rivoluzionera' anche
la chimica ("la benzina reagisce con l'aria in misura dipendente dalla
temperatura, dalla pressione e dalla distanza da Empoli")... ma non e'
che, anche se sei un commesso viaggiatore, ti cambia la vita.

===

Il motivo per cui un "c elevato" e' stato introdotto nella trama e' la
necessita' di garantire comunicazioni veloci fra Sol e Sirio, senza la
(apparente) difficolta' di introdurre oggetti strani, tipo stazioni di
trasmissione di materia a distorsione fuori l'orbita di Plutone.

Per l'appunto... mentre le stazioni transmateria sono un artificio che
non altera tutto il resto dell'universo, "c elevato" (o, meglio... non
"c elevato" ma "c variabile") impone di spiegare perche' l'Universo si
presenti come se lavorasse a c circa costante.

Ricorda un po' quello che, accortosi d'averla pestato, per ripulire la
suola utilizzava la manica della camicia di pizzo.

Leonardo
--
Linten addie toorin addie,
Linten addie toorin ee,
Linten lowrin lowrin lowrin,
The barnyards of Delgaty
A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
2009-02-27 20:50:07 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
Il motivo per cui un "c elevato" e' stato introdotto nella trama e' la
necessita' di garantire comunicazioni veloci fra Sol e Sirio, senza la
(apparente) difficolta' di introdurre oggetti strani, tipo stazioni di
trasmissione di materia a distorsione fuori l'orbita di Plutone.
Non c'è nessuna trama Leonardo se tu avessi scritto questa cosa due giorni
fa ci risparmiavamo un sacco di tempo in due.
non credi ?
Post by Leonardo Serni
Per l'appunto... mentre le stazioni transmateria sono un artificio che
non altera tutto il resto dell'universo, "c elevato" (o, meglio... non
"c elevato" ma "c variabile") impone di spiegare perche' l'Universo si
presenti come se lavorasse a c circa costante.
Vedo che siamo distanti anni luce dalla comprensione. Non so + come
spiegarmi, ci sto provando nell'altro post ma ho idea che se alla base di
tutto tu non sei certo della mia buonafede non andiamo da nessuna parte.
Post by Leonardo Serni
Ricorda un po' quello che, accortosi d'averla pestato, per ripulire la
suola utilizzava la manica della camicia di pizzo.
Quando uno scettico non è d'accordo ecco che dice che l'altro ha pestato una
merda, sinceramente da te mi aspettavo qualcosa di meglio.

ARBEL
kennyt
2009-02-28 09:12:40 UTC
Permalink
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Vedo che siamo distanti anni luce dalla comprensione. Non so + come
spiegarmi, ci sto provando nell'altro post ma ho idea che se alla base di
tutto tu non sei certo della mia buonafede non andiamo da nessuna parte.
Ma guarda che ipotizzare che tu sia in buona fede e' anche piu' divertente,
hai dimostrato di non capire nemmeno cos' e' una messa a fuoco,
confermi in pieno il personaggio da me ipotizzato,
un coglione galattico...
feynman
2009-02-27 18:16:08 UTC
Permalink
Post by Sokar
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
Non penso che alla scienza interessi saperlo, se non come ulteriore
passo verso la conoscenza, ma poi, ammettendo che sia scientificamente
alla portata, non sarebbe certo un passo conclusivo... quindi, perché
domandarselo?
da un punto di vista matematico poi ci sono soluzioni che prendono come
variabile temporale non il tempo in senso classico ma il suo logaritmo.
A quel punto il fatidico big bang corrispondente al tempo t=0
dell'interpretazione tradizionale corrisponde al valore meno infinito
della nuova variabile. A quel punto non ha alcun senso chiedersi cosa ci
fosse "prima" del big bang perchè un "prima" non esiste proprio.
Sembra solo un giochino matematico ma non è così.
La stessa situazione si usa nelle trasformazioni di coordinate in
Relatività Generale per considerare gli "effetti di orizzonte".

Detto ciò io sono sicuramente molto ignorante in questo campo e per
cercare di diminuire la mia ignoranza a tal proposito ho appena letto su
Le Stelle di questo mese la recensione di un libro di Cosmologia di
Silvio Bonometto che quanto prima mi comprerò e mi studierò per bene.

Tu hai idea di cosa farà marco manca per diminuire la SUA ignoranza?
Prova a chiederglielo, magari a te risponde.

ciao
feynman
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 19:05:09 UTC
Permalink
Post by feynman
A quel punto non ha alcun senso chiedersi cosa ci
fosse "prima" del big bang perchè un "prima" non esiste proprio.
La tua presunzione è davvero sconfinata, ma chi cazzo di credi di essere
per asserire che "un prima non esiste proprio" ?
Post by feynman
Tu hai idea di cosa farà marco manca per diminuire la SUA ignoranza?
Prova a chiederglielo, magari a te risponde.
Guarda ti posso assicurare che preferirei rinascere così come sono
piuttosto che anche lontanamente assomigliante ad un megalomane come te.
Post by feynman
ciao
feynman
Marco
Mk
2009-02-27 19:12:49 UTC
Permalink
On Feb 27, 8:05 pm, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by feynman
A quel punto non ha alcun senso chiedersi cosa ci
fosse "prima" del big bang perchè un "prima" non esiste proprio.
La tua presunzione è davvero sconfinata, ma chi cazzo di credi di essere
per asserire che "un prima non esiste proprio" ?
ma quotalo per intero, coglione.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by feynman
Tu hai idea di cosa farà marco manca per diminuire la SUA ignoranza?
Prova a chiederglielo, magari a te risponde.
Guarda ti posso assicurare che preferirei rinascere così come sono
piuttosto che anche lontanamente assomigliante ad un megalomane come te.
per un cretino fare lo stesso errore due volte e' nella norma, su.

Mk
feynman
2009-02-27 21:03:39 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by feynman
A quel punto non ha alcun senso chiedersi cosa ci
fosse "prima" del big bang perchè un "prima" non esiste proprio.
La tua presunzione è davvero sconfinata, ma chi cazzo di credi di
essere per asserire che "un prima non esiste proprio" ?
cosa c'è che non hai capito del ragionamento che hai tagliato?
te lo si può spiegare, forse.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by feynman
Tu hai idea di cosa farà marco manca per diminuire la SUA ignoranza?
Prova a chiederglielo, magari a te risponde.
Guarda ti posso assicurare che preferirei rinascere così come sono
piuttosto che anche lontanamente assomigliante ad un megalomane come te.
diciamo che la cosa è completamente reciproca.
Stammi bene servo sciocco.

ciao
feynman
Antonio Bruno
2009-02-28 01:15:17 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
A quel punto non ha alcun senso chiedersi cosa ci fosse "prima" del big
bang perchè un "prima" non esiste proprio.
La tua presunzione è davvero sconfinata, ma chi cazzo di credi di essere
per asserire che "un prima non esiste proprio" ?
Tu hai idea di cosa farà marco manca per diminuire la SUA ignoranza?
Prova a chiederglielo, magari a te risponde.
Guarda ti posso assicurare che preferirei rinascere così come sono
piuttosto che anche lontanamente assomigliante ad un megalomane come te.
ciao
feynman
Marco
Forza e coraggio, che il coglione è di passaggio!...;-)
--
Antonio Bruno
http://chrysigon.spazioblog.it/"
Gli ingenui rimangono ingenui anche con il Cicap. La gente che sta aprendo
gli occhi, se li ritrova completamente chiusi dal Cicap. Come? Con della
disinformazione. Ma che concetto hanno quelli del Cicap degli esseri umani?
(Corrado Malanga)
feynman
2009-02-28 13:51:33 UTC
Permalink
Post by Antonio Bruno
Forza e coraggio, che il coglione è di passaggio!...;-)
purtroppo è stanziale.
Solo un mesetto in galera e poi il coglione è tornato qui a ridire le
stesse coglionate.
http://www.radiodolomiti.com/radio_giornale/notizia.php?id_testo=1082

ciao
feynman
--
Poni tale contributo, o sorella, qualora tu accondiscendessi, nel
consueto
calice entro e non oltre la fine di questo mese. La pace sia con te!
Nithael x N.A.V.R.A.Z.
MiT
2009-02-27 21:25:25 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang",
che "spiega" l'evento (effetto) ma che rimane TOTALMENTE ignota la causa,
l'origine stesso del fenomeno che è alla base del Principio per cui è
avvenuta questa esplosione.
Perchè, la luce, come dice la scienza, viaggia proprio a 299.792,458 Km/s
e non, ad esempio, a 289.792.458 Km/s oppure a 309.792.458 Km/s ?
Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita nell'universo ?
Alla scienza interessa sapere *come* è nato Marco Manca e _non_ *perchè* è
nato Marco Manca. Alla scienza non interessa conoscere il lungo, magico,
casuale ed irripetibile cammino che ha portato tuo padre e tua madre a
conoscersi. Alla scienza interessa conoscere il cammino e le modalità che
porta uno spermatozoo ad incrociare un ovulo.
Il *come* attiene alla modalità operativa da cui nasce un fenomeno: alla
domanda "come sono nato?" troverai risposte scientifiche
Il *perchè* attiene alla finalità esistenziale del fenomeno stesso: alla
domanda "perchè si vive se poi si deve morire?" troverai (forse) risposte
filosofiche e religiose.
Quindi la domanda "perchè si è creata la vita nell'universo?" è
*assolutamente* priva di significato scientifico, almeno oggi, 2009, con le
attuali conoscenze scientifiche. Forse tra qualche centinaio d'anni dal
Continuum apparirà *Q*ualcuno che ti spiegherà "perchè si è creata la vita
nell'universo" :-)
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
Alcuni dicono che non esisteva niente, il nulla assoluto, ma se così fosse
com'è possibile che dal nulla assoluto sia apparso tutto quello che poi
avvenne fino ad oggi ?
Prima del big bang non c'era né spazio né tempo, quindi la domanda non si
pone o, meglio, non si pone nei termini di "prima" e "dopo". Per un credente
prima c'era DIO (infatti uno degli attributi di DIO è proprio l'eternità),
per un laico ti consiglio queste interessanti letture...
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2007/08_Agosto/30/prima_big_bang_newton.shtml
http://franceschini.blogautore.repubblica.it/2008/02/17/cosa-cera-prima-del-big-bang/
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s, non
c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo penso?
Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite è
fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
http://ulisse.sissa.it/chiediAUlisse/domanda/2007/Ucau070908d001

[cut]
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Potreste obbiettare dicendo che "parla uno che non ha manco una laurea", è
vero, ma diciamo che mi baso sull'istinto e la logica, e sia uno che
l'altro mi dicono CHE TUTTO QUELLO CHE C'E' NEL MICRO E NEL MACRO E'
TALMENTE IGNOTO CHE NESSUNA CIVILTA' EXTRATERRESTRE, ANCHE ESTREMAMENTE
AVANZATA, POTRA' MAI CONOSCERE AL 100% CHE COSA E' QUESTA MERAVIGLIA CHE
CHIAMIAMO/DEFINIAMO VITA....
Appunto, se nessuna civiltà extraterrestre può conoscere al 100% ogni
aspetto della natura, perchè ti rivolgi alla nostra scienza per avere
risposte che la scienza non può offrirti? Né la nostra scienza né quella dei
Vulcaniani potrà mai spiegarti "cosa è questa meraviglia che chiamiamo
vita". Se sei in cerca di queste risposte non ti rimane altro che affidarti
alla Bibbia, al Corano, ai Veda, o, se sei laico, alla filosofia
esistenzialista.
Se ti accontenti, può anche andar bene la risposta di Yoda "La Forza è ciò
che dà allo Jedi la possanza. E’ un campo di energia creato da tutte le cose
viventi. Esso ci circonda e ci penetra. Esso tiene insieme la Galassia.
Perché il mio alleato è la Forza. Ed un alleato potente essa è. La vita la
crea, la fa crescere. La sua energia ci circonda e ci unisce"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta appena
affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle Universali?
Pensateci.
Ci penso da una vita. Ti consiglio di pensarci leggendo "Il mondo di Sofia"
di Jostein Gaarder, un libro di una bellezza e di una profondità
entusiasmante, un lungo cammino filosofico attraverso i secoli alla scoperta
della nostra origine...
A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
2009-02-27 22:07:16 UTC
Permalink
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing
Bang", che "spiega" l'evento (effetto) ma che rimane TOTALMENTE
ignota la causa, l'origine stesso del fenomeno che è alla base del
Principio per cui è avvenuta questa esplosione.
Perchè, la luce, come dice la scienza, viaggia proprio a 299.792,458
Km/s e non, ad esempio, a 289.792.458 Km/s oppure a 309.792.458 Km/s
? Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita
nell'universo ?
Alla scienza interessa sapere *come* è nato Marco Manca e _non_
*perchè* è nato Marco Manca. Alla scienza non interessa conoscere il
lungo, magico, casuale ed irripetibile cammino che ha portato tuo
padre e tua madre a conoscersi. Alla scienza interessa conoscere il
cammino e le modalità che porta uno spermatozoo ad incrociare un
ovulo.
Forse PERCHE' sua madre era simpatica a suo padre?
Forse perchè gli ormoni sessuali hanno fatto il loro lavoro?
Forse perchè esiste la chimica?

Che ne dici ? Se così non fosse stato quello spermatozzoo non avrebbe mai
incocciato quell ovulo e tu non sapresti mai il COME è nato Marco.

La scienza deve ricercare il perchè sennò è una scienza descrittiva.
Post by MiT
alla domanda "come sono nato?" troverai risposte scientifiche
alla domanda "perchè si vive se poi si deve morire?" troverai (forse)
risposte filosofiche e religiose.
No, no, no. non ci siamo proprio. così non sa va da nessuna parte.
Post by MiT
Quindi la domanda "perchè si è creata la vita nell'universo?" è
*assolutamente* priva di significato scientifico, almeno oggi, 2009,
con le attuali conoscenze scientifiche.
ma certo!!! Come no !!! fino a che la scienza ragiona alla cazzo non
cercando il perchè ci sarà sempre un coglione che crede nel dio creatore con
la barba e i baffi.
Post by MiT
Forse tra qualche centinaio
d'anni dal Continuum apparirà *Q*ualcuno che ti spiegherà "perchè si
è creata la vita nell'universo" :-)
Comodo eh ??! E no belli miei ...buon lavoro, se dovessi decidere io. Ma
sarete fortunati........
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
C'era un buco nero è ovvio come che il sole è caldo. Un singolo meraviglioso
buco nero. The Big One.
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Alcuni dicono che non esisteva niente, il nulla assoluto, ma se così
fosse com'è possibile che dal nulla assoluto sia apparso tutto
quello che poi avvenne fino ad oggi ?
Prima del big bang non c'era né spazio né tempo, quindi la domanda
non si pone o, meglio, non si pone nei termini di "prima" e "dopo".
Infatti non è ne prima nè dopo. è e basta.
Post by MiT
Per un credente prima c'era DIO (infatti uno degli attributi di DIO è
proprio l'eternità), per un laico ti consiglio queste interessanti
letture...
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2007/08_Agosto/30/prima_big_bang_newton.shtml
http://franceschini.blogautore.repubblica.it/2008/02/17/cosa-cera-prima-del-big-bang/
Dio ha un sacco di lavoro sulla terra, per fortuna altrove lo ignorano o
avrebbe già traslocato.
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra
ARBEL e Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di
km/s, non c'è nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete
perchè lo penso? Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè
questo limite è fissato proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
http://ulisse.sissa.it/chiediAUlisse/domanda/2007/Ucau070908d001
se mi attenessi alle mie qualità di osservatore con un telescopio( leggi
monitor) mi spaccherei la testa per capire se è stato ulisse a deciderlo o
sissa o Ucau digitando un codice 070908d001
ma ecco che avendo a disposizione un mouse e le mia ditine, ci clicco sopra,
dopo averle provate tutte, e mi si aprono nuove conoscenze, ma saranno poi
quelle giuste ma.....fino a che non clicchi non lo saprai e potrai anche
essere convinto che è stato Ulisse e avresti ragione(sigh) e ti darebbero
forse anche il nobel.
Post by MiT
[cut]
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Potreste obbiettare dicendo che "parla uno che non ha manco una
laurea", è vero, ma diciamo che mi baso sull'istinto e la logica, e
sia uno che l'altro mi dicono CHE TUTTO QUELLO CHE C'E' NEL MICRO E
NEL MACRO E' TALMENTE IGNOTO CHE NESSUNA CIVILTA' EXTRATERRESTRE,
ANCHE ESTREMAMENTE AVANZATA, POTRA' MAI CONOSCERE AL 100% CHE COSA
E' QUESTA MERAVIGLIA CHE CHIAMIAMO/DEFINIAMO VITA....
Appunto, se nessuna civiltà extraterrestre può conoscere al 100% ogni
aspetto della natura, perchè ti rivolgi alla nostra scienza per avere
risposte che la scienza non può offrirti? Né la nostra scienza né
quella dei Vulcaniani potrà mai spiegarti "cosa è questa meraviglia
che chiamiamo vita".
Oh beh insomma sui Vulcaniani non scommetto perchè non li conosco, ma se
vuoi sapere che cos'è la vita te lo posso dire. Si tratta di energia
confinata resa indisponibile allo scambio quantico, un pò come un buco nero,
mi rendo conto che può sembrare blasfemo tuttavia se non è blasfema la
natura.....
Post by MiT
Se sei in cerca di queste risposte non ti rimane
altro che affidarti alla Bibbia, al Corano, ai Veda, o, se sei laico,
alla filosofia esistenzialista.
meglio la discoteca se l'obbiettivo è quello.
Post by MiT
Se ti accontenti, può anche andar bene la risposta di Yoda "La Forza
è ciò che dà allo Jedi la possanza. E' un campo di energia creato da
tutte le cose viventi. Esso ci circonda e ci penetra. Esso tiene
insieme la Galassia. Perché il mio alleato è la Forza. Ed un alleato
potente essa è. La vita la crea, la fa crescere. La sua energia ci
circonda e ci unisce"
mhhhh stai provando a corteggiare Marco («ô___ªô) ??
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta
appena affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle
Universali? Pensateci.
Ci penso da una vita. Ti consiglio di pensarci leggendo "Il mondo di
Sofia" di Jostein Gaarder, un libro di una bellezza e di una
profondità entusiasmante, un lungo cammino filosofico attraverso i
secoli alla scoperta della nostra origine...
Io ti darei un altro consiglio, guarda le stelle e pensa, percepisci ciò che
è, non ti limitare a guardare. L'uomo tende a segregarsi, espandi la tua
intelligenza, non hai bisogno di nessun libro per capire che occorre partire
da qui per avere le risposte che cerchi e ....lascia a terra dio.

A.RB.EL
feynman
2009-02-27 22:24:40 UTC
Permalink
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
ma certo!!! Come no !!! fino a che la scienza ragiona alla cazzo non
cercando il perchè ci sarà sempre un coglione che crede nel dio
creatore con la barba e i baffi.
be'... qui sul ng c'è un coglione che crede che tu sia un alieno de
Sirio fratello di Bill gates, Mel Gibson e Jodie Foster.
Si vede che i coglioni sono sempre a disposizione.
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ?
risposta ufficiale: NESSUNO LO SA.
C'era un buco nero è ovvio come che il sole è caldo. Un singolo
meraviglioso buco nero. The Big One.
e un protoarbel dentro al buco nero ha scoreggiato dando origine al Big
Bang.
Sic transit gloria mundi.

ciao
feynman
--
la massa a riposo del fotone secondo l'alieno scemo arbel?
10^-18 g ossia come 600.000 protoni LOL!
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 23:10:37 UTC
Permalink
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Io ti darei un altro consiglio, guarda le stelle e pensa, percepisci ciò che
è, non ti limitare a guardare. L'uomo tende a segregarsi, espandi la tua
intelligenza, non hai bisogno di nessun libro per capire che occorre partire
da qui per avere le risposte che cerchi e ....lascia a terra dio.
A.RB.EL
Assolutamente d'accordo, è quello che faccio spesso nelle serie
d'estate... quando rivolgo lo sguardo verso il cielo stellato non penso
a niente ma penso a tutto... meraviglioso, altro che supercalcoli di
fisica per capire quello o quell'altro o immaginarsi un dio
chichessia...io mi lascio semplicemente avvolgere da quel buio luminoso
pieno di Vita e basta, semplicemente.



Marco
feynman
2009-02-27 23:32:19 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
io mi lascio semplicemente avvolgere da quel buio
luminoso pieno di Vita e basta, semplicemente.
e il naufragar m'è dolce in questo mare ...

ciao
feynman
kennyt
2009-02-28 09:19:34 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Assolutamente d'accordo, è quello che faccio spesso nelle serie
d'estate... quando rivolgo lo sguardo verso il cielo stellato non penso a
niente ma penso a tutto... meraviglioso, altro che supercalcoli di fisica
per capire quello o quell'altro o immaginarsi un dio chichessia...io mi
lascio semplicemente avvolgere da quel buio luminoso pieno di Vita e
basta, semplicemente.
Finito quello ti colleghi ad internet grazie alla scienza che abborri e di
cui non capisci un acca e scrivi stronzate,
il che completa la poesia...
pensa un mondo popolato da gente come te,
eravamo ancora all' eta' della pietra...
e per carita',
magari per certi versi si stava anche meglio,
ma poi tu saresti stato il primo a lamentarti delle condizioni di vita,
scometto.
Senza contare la fine che facevi per l'arbel di turno che ti convinceva a
far da esca al tirannosauro rex...
MiT
2009-02-28 18:04:27 UTC
Permalink
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing
Bang", che "spiega" l'evento (effetto) ma che rimane TOTALMENTE
ignota la causa, l'origine stesso del fenomeno che è alla base del
Principio per cui è avvenuta questa esplosione.
Perchè, la luce, come dice la scienza, viaggia proprio a 299.792,458
Km/s e non, ad esempio, a 289.792.458 Km/s oppure a 309.792.458 Km/s
? Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita
nell'universo ?
Alla scienza interessa sapere *come* è nato Marco Manca e _non_
*perchè* è nato Marco Manca. Alla scienza non interessa conoscere il
lungo, magico, casuale ed irripetibile cammino che ha portato tuo
padre e tua madre a conoscersi. Alla scienza interessa conoscere il
cammino e le modalità che porta uno spermatozoo ad incrociare un
ovulo.
Forse PERCHE' sua madre era simpatica a suo padre?
Forse perchè gli ormoni sessuali hanno fatto il loro lavoro?
Forse perchè esiste la chimica?
Che ne dici ?
Dico che non hai compreso il senso di quello che ho scritto. Continua a
leggere il seguito del post...
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Se così non fosse stato quello spermatozzoo non avrebbe mai
incocciato quell ovulo e tu non sapresti mai il COME è nato Marco.
La scienza deve ricercare il perchè sennò è una scienza descrittiva.
La scienza ti offre anche il *perchè*, ma per la scienza è indifferente
conoscere il *perchè esistenziale* di un fenomeno in quanto un evento esiste
in tanto che ci siano le condizioni necessarie a produrlo.
Mi spiego meglio con un esempio: uno scienziato in "stile Odifreddi" alla
domanda "perchè si è creata la vita nell'Universo?" ti risponderebbe "perchè
_doveva_ nascere", la vita c'è perchè ci deve essere: se abbiamo un sistema
X governato da condizioni Y sappiamo, in base a leggi probabilistiche, che
in un tempo N si verificherà un evento Z.
Quindi, in base alle condizioni che hanno generato e governano L'Universo,
la vita _deve_ essere presente e questo è anche il motivo per cui non trovi
scienziato che pensa che l'unica forma di vita sia la nostra (attento, non
parlo di vita "intelligente" ma di vita.). Se le condizioni fossero state
diverse (ad esempio le condizioni fisiche che governano un buco nero) non
avremmo avuto vita oppure ci sarebbe una vita "diversa" da come la
intendiamo noi: avremmo ad esempio un Arbel composto da antimateria in un
Universo di antimateria ma comunque _non_ questo Arbel che scrive su usenet.
Se c'è questa vita, c'è *perchè* queste condizioni permettono *questa vita*
e per la scienza questo è sufficiente e relega ad altre discipline, come la
filosofia, eventuali altre spiegazioni esistenziali.
La tua ricerca del *perchè* diventa pura speculazione filosofica (nel senso
deteriore della frase) in quanto non aggiunge nulla di nuovo a ciò che
conosciamo ed inoltre è una ricerca errata in quanto il tuo *perchè* è già
insito nella natura delle cose.
La scienza (e non solo la fisica) si basa anche su leggi probabilistiche e
quando conosciamo le condizioni di partenza di un sistema possiamo
agevolmente sapere quale evento si realizzerà, ed a quel punto domandarci il
*perchè* si è realizzato l'evento ci lascia indifferenti.
Un esempio informatico: il sistema X è Windows; le condizioni Y sono:
collegamento ad Internet senza firewall, antivirus ed aggiornamenti e con
privilegi amministrativi; con queste condizioni sappiamo che l'evento (Z)
Conficker in un tempo N ha una probabilità così elevata d'infettare il
sistema che è da idioti domandarsi "perchè un virus ha
sventrato il mio Windows?". Conoscendo *come* Conficker infetta i sistemi
possiamo attuare una protezione ed evitare il contagio, ne discende quindi
che quello che a noi interessa sono le _modalità operative_ del virus. Il
*perchè* Conficker infetta diventa, quindi, _logica conseguenza_ delle
protezioni che _non_ abbiamo attuato, diciamo che è in re ipsa, è nello
stato naturale delle cose alla presenza di certe condizioni.
Così ritorniamo al punto di partenza: la tua analisi "La scienza deve
ricercare il perchè sennò è una scienza descrittiva" è furoviante. La
scienza nel descrivere (termine che tu utilizzi in maniera erroneamente
dispregiativa) i fenomeni riesce, con osservazioni e verifiche
sperimentali, a svelare i processi naturali ed in questa sua "descrizione
dei processi" troviamo anche le condizioni che presiedono al fenomeno
stesso: a quel punto scoprire il *perchè* è nato Arbel diventa meno
interessante di scoprire *come* è nato Arbel.
Post by A***@(ô----ô)(ô_ô)(ôììììô)
Post by MiT
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta
appena affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle
Universali? Pensateci.
Ci penso da una vita. Ti consiglio di pensarci leggendo "Il mondo di
Sofia" di Jostein Gaarder, un libro di una bellezza e di una
profondità entusiasmante, un lungo cammino filosofico attraverso i
secoli alla scoperta della nostra origine...
Io ti darei un altro consiglio, guarda le stelle e pensa, percepisci ciò
che è, non ti limitare a guardare. L'uomo tende a segregarsi, espandi la
tua intelligenza, non hai bisogno di nessun libro per capire che occorre
partire da qui per avere le risposte che cerchi e ....lascia a terra dio.
Un'umanità senza cultura è destinata a soccombere davanti ai venditori
d'ignoranza. Anche le galline guardano il cielo e, nel loro piccolo, sognano
campi sconfinati ma fino ad ora nessuna gallina ha declamato poesie, suonato
un violino o scritto romanzi. Accetta un consiglio, guarda le stelle ed
osserva il Sole al tramonto in una spiaggia dorata ma ricordati di mantenere
sempre in allenamento l'unico organo che oggi ti distingue da una gallina e
ti rende sapiens: il cervello. Un buon libro ed una sana cultura potrà
sempre salvarti dalle stupide Sirene che t'invitano a gettarti in mare...
Sokar
2009-02-28 15:04:09 UTC
Permalink
Post by MiT
Ci penso da una vita. Ti consiglio di pensarci leggendo "Il mondo
di Sofia" di Jostein Gaarder, un libro di una bellezza e di una
profondità entusiasmante, un lungo cammino filosofico attraverso i
secoli alla scoperta della nostra origine...
sì davvero un libro interessante e coinvolgente, che vale anche come
introduzione generale alla filosofia e ai filosofi più noti

S.
About:Blank
2009-03-04 23:44:31 UTC
Permalink
Post by MiT
Alla scienza interessa conoscere il cammino e le modalità che
porta uno spermatozoo ad incrociare un ovulo.
O come voi che sia successo.. l'ovolo era li' che sparecchiava, lo
spermatozoo gl'ha messo la gonna in capo e l'ha fatto i su' comodi..
--
Ciao, m
Lilith
2009-02-27 21:38:11 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang"
*Bing Bang*.
Rotfl.
feynman
2009-02-27 22:26:32 UTC
Permalink
Post by Lilith
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang"
*Bing Bang*.
Rotfl.
Crash, Gulp, fumetti in tv:
http://gruppotienneti.blogspot.com/2007/05/un-po-di-storia-omaggio-max-bunker-e.html

ciao
feynman
Marco Manca (Ozieri, SS)
2009-02-27 23:14:00 UTC
Permalink
Post by Lilith
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang"
*Bing Bang*.
Rotfl.
in realtà era un messaggio in codice rivolto a te: "Bing Bang" = Bingo
Bongo, insomma quello che sei tu, scimmione!


Marco
feynman
2009-02-27 23:33:16 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Post by Lilith
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang"
*Bing Bang*.
Rotfl.
in realtà era un messaggio in codice rivolto a te: "Bing Bang" = Bingo
Bongo, insomma quello che sei tu, scimmione!
ohibò...
scimmione ad una femmina?
è ora di cambiare le lenti.

ciao
feynman
--
la massa a riposo del fotone secondo l'alieno scemo arbel?
10^-18 g ossia come 600.000 protoni LOL!
Lilith
2009-02-28 18:32:00 UTC
Permalink
Post by feynman
ohibò...
scimmione ad una femmina?
è ora di cambiare le lenti.
Magari anche sull'account di STN ci sono varie persone che si danno il
cambio, e quella che scrive adesso non sa chi sono.
:)
Didimo
2009-02-28 01:39:27 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2009 16:57:31 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
detta "Bing Bang",
E chi e`, la sorella di Ping Pong? ;-)

[Scusa, non ho resistito. Sono in fase di scazzo dodicenne inside :)]/

Simo
Gatsu
2009-03-02 17:29:39 UTC
Permalink
Post by Leonardo Serni
On Fri, 27 Feb 2009 16:57:31 +0100, "Marco Manca (Ozieri, SS)"
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
detta "Bing Bang",
E chi e`, la sorella di Ping Pong? ;-)
[Scusa, non ho resistito. Sono in fase di scazzo dodicenne inside :)]/
Simo
A me ne era venuta in mente una peggio :-)
--
Federico
Shakti
2009-03-01 15:25:13 UTC
Permalink
Si dice che tutto sia nato da una enorme esplosione, detta "Bing Bang", che
"spiega" l'evento (effetto) ma che rimane TOTALMENTE ignota la causa,
l'origine stesso del fenomeno che è alla base del Principio per cui è
avvenuta questa esplosione.
Non c'è stata nessuna esplosione...
Se si presume una esplosione significa che doveva esserci qualcosa che
doveva esplodere.
Perchè, la luce, come dice la scienza, viaggia proprio a 299.792,458 Km/s e
non, ad esempio, a 289.792.458 Km/s oppure a 309.792.458 Km/s ?
Perchè la materia ha dei "limiti" che piaccia o meno crederci.
Ha "confini" e non sappiamo oltrepassarli.
La luce è anche una forma di materia (particelle), quindi, nel mondo
fisico ha limiti ben definiti.
Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita nell'universo ?
:-)

già... perchè?
Oppure giriamo la domanda... ma cos'è la vita rispetto alla non-vita?
Quali sono le differenz<e?
Solo chi si muove, parla, si riproduce è una forma di vita?
Andiamo oltre.... alla domanda "ma cosa c'era prima del big bang" ? risposta
ufficiale: NESSUNO LO SA.
Forse è meglio girare la domanda chiedendoci cosa c'era prima che la
materia si manifestasse?
:-)
Alcuni dicono che non esisteva niente, il nulla assoluto, ma se così fosse
com'è possibile che dal nulla assoluto sia apparso tutto quello che poi
avvenne fino ad oggi ?
Il nulla non è paragonabile al concetto umano.
Meglio dire "quiete" DI qualcosa che non è UNA cosa ma .... e qui mi
fermo :-p
Per quanto riguarda la luce (così mi allaccio al botta e risposta fra ARBEL e
Leonardo Serni ^__^ ) può anche arrivare a 1 miliardo di km/s, non c'è
nessuno che può dimostrare il contrario, e sapete perchè lo penso?
Semplicemente perchè nessuno sa spiegare del perchè questo limite è fissato
proprio a 289.792.458 Km/s e non oltre.
:-)
Esperimenti o no, la luce è e rimane un mistero...
...
CUT

già ...
Quindi cosa ne può sapere una civiltà come la nostra, che si sta appena
affacciando alle conoscenze scientifiche locali, a quelle Universali?
...
CUT

... mancanza di umiltà.
Cmq non fare testo a quello che si dice qui nel NG.
Qui sembra solo un accozzaglia di trogloditi legati ancora a cose
vecchie.
Ti consiglierei di fare una ricerca in internet e troverai cose
interessanti con veri ricercatori che sperimentano, provano e non hanno
una mente così ristretta da negare tutto.
Cercano prove, spiegazioni.

Pensavo che questi NG fossero seri, composti di persone che cercano
davvero risposte e non ci fosse quell'arroganza scientifica da porsi su
piedistalli per trattare gli altri da ignoranti.
Non esiste collaborazione.
Non esiste umiltà.
Pensi che forse certe "conoscenze" siano accessibili a trogloditi del
genere?

Serni è una via di mezzo... solo che deve decidersi da che parte
stare...
Thomas Glahn
2009-03-02 07:59:23 UTC
Permalink
Ma la domanda fondamentale Ú: perchÚ si Ú creata la vita nell'universo ?
Sfiga. Cosmica Sfiga
feynman
2009-03-02 12:02:08 UTC
Permalink
Post by Thomas Glahn
Ma la domanda fondamentale è: perchè si è creata la vita
nell'universo ?
Sfiga. Cosmica Sfiga
diciamolo chiaramente:
la Legge di Murphy è l'unica cosa che esisteva PRIMA del Big Bang :-)

ciao
feynman
Thomas Glahn
2009-03-02 17:01:24 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
NESSUNA CIVILTA' EXTRATERRESTRE, ANCHE ESTREMAMENTE
AVANZATA, POTRA' MAI CONOSCERE AL 100% CHE COSA E' QUESTA
MERAVIGLIA CHE CHIAMIAMO/DEFINIAMO VITA....
"Tutto Ú male. CioÚ tutto quello che Ú, Ú male; che ciascuna cosa esista Ú
un male; ciascuna cosa esiste per fin di male; l'esistenza Ú un male e
ordinata al male; il fine dell'universo Ú il male; l'ordine e lo stato, le
leggi, l'andamento naturale dell'universo non sono altro che male, né
diretti ad altro che al male. Non v'Ú altro bene che il non essere: non
altro di buono che quel che non Ú; le cose che non son cose: tutte le cose
sono cattive." Giacomo Leopardi, Zibaldone #4174
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Pensateci.
Pensaci.
Mk
2009-03-03 08:50:52 UTC
Permalink
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
NESSUNA CIVILTA' EXTRATERRESTRE, ANCHE ESTREMAMENTE
AVANZATA, POTRA' MAI CONOSCERE AL 100% CHE COSA E' QUESTA
MERAVIGLIA CHE CHIAMIAMO/DEFINIAMO VITA....
"Tutto è male. Cioè tutto quello che è, è male; che ciascuna cosa esista è
un male; ciascuna cosa esiste per fin di male; l'esistenza è un male e
ordinata al male; il fine dell'universo è il male; l'ordine e lo stato, le
leggi, l'andamento naturale dell'universo non sono altro che male, né
diretti ad altro che al male. Non v'è altro bene che il non essere: non
altro di buono che quel che non è; le cose che non son cose: tutte le cose
sono cattive."  Giacomo Leopardi, Zibaldone #4174
avrei detto Varg Vikernes.
Post by Marco Manca (Ozieri, SS)
Pensateci.
Pensaci.
mo' moo segno [cit.]

Mk
Thomas Glahn
2009-03-03 09:03:45 UTC
Permalink
Post by Mk
avrei detto Varg Vikernes.
Non credo ci siano analogie, ma capisco che la citazione, presa così, possa
essere fuorviante. D'altronde a scuola fanno leggere "A Silvia", quando va
bene.
Mk
2009-03-03 09:13:57 UTC
Permalink
Post by Mk
avrei detto Varg Vikernes.
Non credo ci siano analogie, ma capisco che la citazione, presa così, possa
essere fuorviante. D'altronde a scuola fanno leggere "A Silvia", quando va
bene.
nah, non era mica fuorviante.
pero' suonava bene pure per bocca di Burzum.

Mk
Thomas Glahn
2009-03-03 09:32:11 UTC
Permalink
Post by Mk
nah, non era mica fuorviante.
pero' suonava bene pure per bocca di Burzum.
a me pare di no, cioÚ che Vikernes non sarebbe d'accordo con la posizione
generale di Leopardi (e in uno scenario immaginario, viceversa). Per questo
dico che Ú fuorviante.
Mk
2009-03-03 11:01:44 UTC
Permalink
Post by Mk
nah, non era mica fuorviante.
pero' suonava bene pure per bocca di Burzum.
a me pare di no, cioè che Vikernes non sarebbe d'accordo con la posizione
generale di Leopardi (e in uno scenario immaginario, viceversa). Per questo
dico che è fuorviante.
la verita' e' che e' stato imp(r)udente da parte mia paragonare un
nazista pagano con Leopardi.

Mk
Continua a leggere su narkive:
Loading...