Discussione:
" Progetto Blue Book, il quale era parzialmente una frode."
(troppo vecchio per rispondere)
massivan
2021-01-22 20:56:05 UTC
Permalink
Dopo circa sei settimane la mia autorizzazione di sicurezza arrivò,
ottenni il mio documento di riconoscimento della CIA. Si trattava di una
scheda di identità simile ad una carta di credito (badge) che mi
permetteva l'ingresso delle porte che necessitavano di
un'autorizzazione. Il nome che utilizzavo in quegli anni era
inventato. Non ho mai usato il mio vero nome.

Così cominciai a lavorare con lui nel progetto in cui egli partecipava.
Si trattava del Progetto Blue Book, il quale era parzialmente una frode.

R - Stai dicendo che alcuni dei casi del Progetto Blue Book erano
completamente fittizi?

A - Si. ..i casi che trattavamo provenivano credo da Fort Palville,
Maryland.

R - Fort Belvior?

A - Esatto. ..non provenivano dal Pentagono ne dai quartieri della CIA.
Ottenemmo dei rapporti di alcuni avvistamenti in Messico, Italia, e
altri paesi. Il nostro compito era quello di recarci sul posto degli
avvistamenti e intervistare i testimoni per vedere se si trattava di
casi falsi o reali.


tratto da:

Alieni: le incredibili confessioni di un malato terminale ex agente CIA


Ermete@pc00
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Dopo circa sei settimane la mia autorizzazione di sicurezza arrivò, ottenni il mio documento di riconoscimento della CIA. Si trattava di una scheda di identità simile ad una carta di credito (badge) che mi permetteva l'ingresso delle porte che necessitavano di un'autorizzazione. Il nome che utilizzavo in quegli anni erainventato. Non ho mai usato il mio vero nome.Così cominciai a lavorare con lui nel progetto in cui egli partecipava. Si trattava del Progetto Blue Book, il quale era parzialmente una frode.R - Stai dicendo che alcuni dei casi del Progetto Blue Book erano completamente fittizi?A - Si. ..i casi che trattavamo provenivano credo da Fort Palville, Maryland.R - Fort Belvior?A - Esatto. ..non provenivano dal Pentagono ne dai quartieri della CIA. Ottenemmo dei rapporti di alcuni avvistamenti in Messico, Italia, e altri paesi. Il nostro compito era quello di recarci sul posto degli avvistamenti e intervistare i testimoni per vedere se si trattava di casi falsi o reali.tratto da: Alieni: le incredibili confessioni di un malato terminale ex agente http://youtu.be/b3v2QPyrEQw
--
Quindi si recarono anche qui in Italia?


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Ermete@pc00
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Dopo circa sei settimane la mia autorizzazione di sicurezza arrivò, ottenni il mio documento di riconoscimento della CIA. Si trattava di una scheda di identità simile ad una carta di credito (badge) che mi permetteva l'ingresso delle porte che necessitavano di un'autorizzazione. Il nome che utilizzavo in quegli anni erainventato. Non ho mai usato il mio vero nome.Così cominciai a lavorare con lui nel progetto in cui egli partecipava. Si trattava del Progetto Blue Book, il quale era parzialmente una frode.R - Stai dicendo che alcuni dei casi del Progetto Blue Book erano completamente fittizi?A - Si. ..i casi che trattavamo provenivano credo da Fort Palville, Maryland.R - Fort Belvior?A - Esatto. ..non provenivano dal Pentagono ne dai quartieri della CIA. Ottenemmo dei rapporti di alcuni avvistamenti in Messico, Italia, e altri paesi. Il nostro compito era quello di recarci sul posto degli avvistamenti e intervistare i testimoni per vedere se si trattava di casi falsi o reali.tratto da: Alieni: le incredibili confessioni di un malato terminale ex agente http://youtu.be/b3v2QPyrEQw
Comunque lo stesso JA Haynek lo disse, il PBB aveva lo scopo
duplice di sedare le curiosità dei civili per lasciare campo
libero alle indagini dei militari: hanno smentito singoli casi ma
non il fenomeno nel suo complesso.
--
----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Continua a leggere su narkive:
Loading...